rientranze di aria nel circuito del termocamino

Domande sulle soluzioni impiantistiche e le migliori pratiche del solare termico.

Moderatori: sergio&teresa, paolo

Paul1964
Messaggi: 24
Iscritto il: sab mar 14, 2015 5:42 pm

rientranze di aria nel circuito del termocamino

Messaggioda Paul1964 » sab dic 15, 2018 5:04 pm

Buon pomeriggio, intanto chiedo scusa se non riesco ad utilizzare il forum correttamente , spero veramente di fare meglio nel prossimo futuro. Ad ogni buon conto sto cercando di collaudare il mio nuovo termocamino, il quale sarà successivamente collegato alla pompa di calore Rotex HPSU 516 biv e stò avendo qualche problema di rientranze di aria nel circuito. Attualmente la circolazione avviene attraverso i vecchi termosifoni in ghisa e alcuni termoarredi di nuova installazione. L’impianto è predisposto in modo tale da poter utilizzare al meglio quello che io o chiamato impianto ad “ alta temperatura” formato dai vecchi radiatori e i termoarredi alimentati con tubazioni in rame, in quanto tramite una valvola a tre vie, i radiatori potranno essere alimentati, escludendo lo scambiatore hpsu , fino a quando non si raggiunge la temperatura adeguata allo scambio termico nel boiler; dopo di che la valvola a tre vie devia inserendo lo scambiatore hpsu tenendo in serie i radiatori in modo da sfruttare il calore residuo in uscita scambiatore biv, riscaldando i radiatori per la gioia di mia moglie che ha bisogno di scaldare i panni.
Se accidentalmente la temperatura del fluido riscaldante raggiungesse valori proibitivi per il boiler in poliuretano della hpsu max 85 c° la tre vie dovrà deviare nuovamente sui termosifoni in ghisa escludendo lo scambiatore hpsu biv. Tutto questo controllato da un termostato di min t e uno di max t esterno alla hpsu.
Per quello che riguarda il circuito di riscaldamento della hpsu, a bassa temperatura, sara collegato in fine a dei fan coil Daikin.
Dopo questa panoramica, tento di esporre il probema: si forma sempre aria nel circuito di riscaldamento termocamino, in effetti quando il circolatore va in marcia sulla sua aspirazione si determina una leggera depressione rispetto alla pressione atmosferica lo si nota anche aprendo qualche sfiatino. Faccio presente che per ragioni costruttive e limitazioni dovute a ristrutturazione e non a costruzione ex novo della casa, abbiamo installato il boiler della hpsu sull’attico e il termocamino è al piano inferiore ed inoltre il vaso di espansione aperto del circuito termocamino è stato ubicato ad una altezza di circa 1,85 m dal punto più alto dello scambiatore HPSu e a 3 m circa dal circolatore, un grundfos upso 25-65 130 a tre velocità . Anche con la velocità più bassa del circolatore, il problema persiste, anche se di entità minore. Non conoscendo le prevalenze del circolatore, e non avendo trovato notizie sul web, mi sorge il dubbio che il serbatoio di espansione non sia alto abbastanza da creare il battente statico necessario sul circolatore e pertanto lo stesso cavita aspirando bolle di aria dal tubo di sicurezza del termocamino, nel quale il livello si abbassa con circolatore in moto . Purtroppo anche l’altezza del serbatoio è una limitazione ma potrei successivamente portarlo a un massimo di 2 2.10 m dal punto piu alto dell’impianto, cioè le tubazioni di ingresso e uscita scambiatore hpsu. Biv Non so se esistono circolatori con una prevalenza minima, magari con 2.5 m di prevalenza al massimo, tanto da effettuare delle verifiche, tentando di capire da dove vi è la reale rientranza dia aria. Qualcuno mi può aiutare dandomi una dritta. Forse mi sta sfuggendo qualcosa???

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1698
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: rientranze di aria nel circuito del termocamino

Messaggioda fcattaneo » sab dic 15, 2018 10:46 pm

Non ho capito molto bene perche il circuito è molto complesso per poter essere descritto cosi senza uno schema.

Ad ogni modo ci sono dei dubbi e delle stranezze che nn capisco...

La Compact HPSU ha un accumulo a vaso aperto.. e il modello BIV ha una serpentina che permette di immettere calore all'accumulo da una sorgente a circuito chiuso... tuttavia lei parla di trasferire calore da un circuito aperto ad uno altro aperto, usando pero la serpnetina BIV ( che serve per un eventuale circuito chiuso ).... io nn capisco.

Il calore dal caminetto alla HPSU puo essere trasferito senza passare dalla serpentina BIV.. perche avete usato quella ?

Ho capito bene che anche il caminetto lavora a circuito aperto ?

Paul1964
Messaggi: 24
Iscritto il: sab mar 14, 2015 5:42 pm

Re: rientranze di aria nel circuito del termocamino

Messaggioda Paul1964 » dom dic 16, 2018 10:03 am

pur cercando di spiegare al meglio l' impianto mi rendo conto che c'è bisogno almeno di uno schema , tento di farne uno e lo invio appena possibile, ci sentiamo presto
ciao e grazie

Paul1964
Messaggi: 24
Iscritto il: sab mar 14, 2015 5:42 pm

Re: rientranze di aria nel circuito del termocamino

Messaggioda Paul1964 » mer dic 19, 2018 10:22 am

gentilissimo F Cattaneo, sto cercando al meglio di fare uno schema del'impianto per rendere tutto piu comprensibile, nel frattempo sentendomi col l'idraulico abbiamo pensato che una soluzione potrebbe essere uno scambiatore a piastre. avrei bisogno di sapere che differenza di temperatura vi è tra i due fluidi? 1-3-5 °C- ecc durante lo scambio termico ?

grazie

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1698
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: rientranze di aria nel circuito del termocamino

Messaggioda fcattaneo » mer dic 19, 2018 7:22 pm

Paul1964 ha scritto: l'idraulico abbiamo pensato che una soluzione potrebbe essere uno scambiatore a piastre.




Lo scambiatore a piastre??.. perche??

C'e' gia la serpentina BIV che è uno scambiatore ... perche sggiungerne un altro ?

Se mi dice il modello della stufa a legna vedo di capire come deve collegarla alla HPSU.



F.

Paul1964
Messaggi: 24
Iscritto il: sab mar 14, 2015 5:42 pm

Re: rientranze di aria nel circuito del termocamino

Messaggioda Paul1964 » mer dic 19, 2018 9:12 pm

Poichè credo di aver trasmesso solo confusione con quello che ho scritto, faccio in modo da ultimare uno schema chiarificatore e riassumo le problematiche in una piccola spiegazione dopo di che invio tutto via mail e ci riaggiorniamo ...intanto ho cercato in rete e mi sembra di aver capito che gli scambiatori a piastre sono degli scambiatori in contro corrente caratterizzati da un basso delta T tra ingr fluido riscaldante e uscita fluido riscaldato e tra uscita fluido riscaldante e ingresso fluido riscaldato si parlava di 1-2-3 °C, corrisponde a verità oppure ho capito male?
intanto preparo schema e spiegazione e invio via mail
Grazie
Paolo

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1698
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: rientranze di aria nel circuito del termocamino

Messaggioda fcattaneo » gio dic 20, 2018 6:27 am

Paul1964 ha scritto:
mi sembra di aver capito che gli scambiatori a piastre sono degli scambiatori in contro corrente caratterizzati da un basso delta T tra ingr fluido riscaldante e uscita fluido riscaldato e tra uscita fluido riscaldante e ingresso fluido riscaldato si parlava di 1-2-3 °C, corrisponde a verità oppure ho capito male?



No è corretto.. ed è esattamente la stessa cosa che fa la serpentina BIV della tua HPSU.. in pratica lo scambiatore a piastre ce l'hai gia incorporato...

F.

Paul1964
Messaggi: 24
Iscritto il: sab mar 14, 2015 5:42 pm

Re: rientranze di aria nel circuito del termocamino

Messaggioda Paul1964 » ven dic 21, 2018 2:40 pm

Ok grazie, ci sentiamo presto.
Intanto auguro buone feste


Torna a “Solare Termico”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti