Realizzazione di un impianto solare termico

Domande sulle soluzioni impiantistiche e le migliori pratiche del solare termico.

Moderatori: sergio&teresa, paolo

ivano
Messaggi: 39
Iscritto il: dom mar 30, 2014 1:58 pm

Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ivano » lun mar 31, 2014 11:04 am

Salve a tutti,
sono un novizio della materia e non sono un idraulico, per cui mi scuso sin d'ora per imprecisioni e mancanza di cultura specifica.

Ho appena acquistato un villino a schiera su tre livelli per complessivi 190 mq circa, devo effettuare dei lavori di ristrutturazione che includono coibentazione del tetto, sostituzione degli infissi, rifacimento degli impianti tecnologici, ecc.

L'immobile, che risale al 1970, si trova a Roma (zona climatica D) ed è esposto a sud-est, essendo a schiera le pareti a nord-est e sud-ovest sono confinanti con altri villini. Inoltre, dei tre piani uno e seminterrato e sto pensando di riscaldarlo solo quando necessario (classica sala hobby), mentre il primo è sottotetto con altezza minima 2,30 m e massima 3,50 m.

Vorrei installare un impianto che sfrutti il solare termico sia per ACS sia per il riscaldamento (almeno come integrazione) e qui ho necessità del vostro supporto, per il quale vi sono molto grato.

Sarei orientato per:
    - solare a svuotamento configurato in scarico (la falda orientata a sud-est ha una superficie di 18 mq circa ed una pendenza del 30% circa), qui i primi dubbi: sono adeguati dei pannelli termodinamici? è possibile una configurazione a scarico assoluto?
    - accumulo per circa 300 l (siamo una famiglia di tre persone), il "serbatoio" lo posizionerei nel seminterrato, per cui ad una distanza di circa 19/10 m dai pannelli
    - sono assolutamente in dubbio fra una caldaia a condensazione o una PDC, cosa mi consigliereste (se possibile anche case/modelli)?
    - per gli elementi radianti credete sia opportuno valutare dei ventilradiatori (p.e. Bi2 della Olimpia Splendid con piastra radiante), nel caso come si calcola il loro dimensionamento?

Per ora credo sia inutile che provi a fornire ulteriori dettagli, visto che non saprei quali potrebbero essere di Vs. interesse. Ovviamente, sono disponibile a cercare di rispondere a qualsiasi richiesta di intergrazione.

Ringrazio in anticipo chi vorrà dedicare del tempo per consigliarmi.

Ciao

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1743
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda sergio&teresa » sab apr 05, 2014 6:25 am

Per quanto riguarda il riscaldamento e cosa mettere, mi pare di capire che non hai pavimento radiante.

Per sapere se puoi mettere degli elementi tipo Olimpia Bi2 (di cui ho sentito parlare bene e che a me piacerebbe usare) devi prima capire se potrai usare una bassa-media T sull'impianto di riscaldamento. Ovvero se l'isolamento della casa sarà ben adeguato (almeno classe C "reale", cioè al lordo degli eventuali apporti da energia rinnovabile).

Se la risposta è si, i Bi2 ti potranno permettere anche di raffrescare, e quindi ti converrebbe pensare alla pompa di calore come elemento riscaldante. Però se vai sulla strada della pdc per riscaldamento e raffrescamento, non puoi esimerti dal mettere anche un FV, per poterlo usare molto efficacemente durante l'estate a raffrescarti casa gratis.

A quel punto con FV e PDC l'esigenza di avere anche un solare termico viene un po' in secondo o terzo piano, perchè più fai grande l'FV e più il solare termico diventa un doppione (quando l'fv produce ti da' già l'energia necessaria a far girare la pdc). A quel punto l'unico motivo per mettere un piccolo solare termico sarebbe quello di portare d'estate l'accumulo acs in temperatura maggiore rispetto a quello che farebbe la pdc, immagazzinando più energia da usare nei giorni di brutto tempo.

Per quanto riguarda il termodinamico bisogna vedere cosa intendi: se ti riferisci ai sistemi ad alta concentrazione/temperatura, eviterei ... per applicazioni domestiche secondo me non ha alcun senso. Se ti riferisci a sistemi tipo questi, è una tecnologia interessante ma di nuovo se metti una pdc diventa un "triplone".... nemmeno più un doppione.

Ciao :wink:
Sergio
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

ivano
Messaggi: 39
Iscritto il: dom mar 30, 2014 1:58 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ivano » sab apr 05, 2014 7:48 am

Grazie Sergio per la risposta ed i consigli.

Confermo che al momento nell'immbile non ci sono pavimenti radianti e che, nonostante i lavori di ristrutturazione, non li sto prendendo in considerazione sia per aspetti di natura economica sia perché trovandomi a Roma (zona climatica D) ho l'impressione, magari sbagliando, che non siano adeguati.

L'impianto FV credo di non poterlo installare dato che ho una superficie inferiore ai 20 mq, ma questo è indispensabile se si utilizza una PDC? Consuma molta energia elettrica?

Infine, per i pannelli termodinamici intendo quelli presentati in questo portale (vedi http://www.portalsole.it/sezione.php?d=123).

E' evidente la mia impreparazione e confusione, sono molto grato a chiunque vogli darmi un aiuto nel cercare di individuare un giusto impianto.

Grazie.

Ciao,
Ivano

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1743
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda sergio&teresa » sab apr 05, 2014 9:57 am

Senza FV se hai il metano il costo del riscaldamento al kWh (termico) si equipara tra una pdc e una caldaia, ma una pdc costa almeno il triplo di una caldaia....

Con FV hai una piccola parte di costo che abbatti grazie all'autoconsumo (d'inverno il FV non produce granché), ma soprattutto hai un rimborso apprezzabile dal contributo che viene erogato per lo scambio sul posto, e che viene erogato sulla base di quanto immetti annualmente, non solo d'inverno. Ecco perchè serve il FV.

In generale, il costo iniziale di

a) caldaia + solare termico
b) PDC + FV

pende a favore di a), ma poi il costo al kWh per b) è più basso grazie ad autoconsumo e scambio sul posto, e quindi ad iniziare oggi vale la pena considerare b). C'è un'incognita, e cioè se il contributo per lo scambio sul posto verrà mantenuto sui livelli attuali anche in futuro, il che non è garantito.

Ma per evitare di avere problemi, se terrai i termosifoni (non capisco l'osservazione sul pavimento radiante come inadatto per la tua zona) come ti dicevo la prima cosa è accertarti che la casa sarà ben ben isolata, perchè se vuoi usare rinnovabile solare (termico, fv e/o pdc) per scaldare casa il primo requisito è che tu possa usare i termosifoni a bassa temperatura (40-45° max, ma quando fuori fa molto freddo), e a quelle temperature i termosifoni rendono veramente poco in termini di Watt erogati.... il che significa che per scaldare casa devi aver bisogno di poca poca energia.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

Avatar utente
ssalvato
Messaggi: 63
Iscritto il: mer mar 19, 2014 8:53 am

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ssalvato » sab apr 05, 2014 10:17 am

ivano ha scritto:Grazie Sergio per la risposta ed i consigli.

L'impianto FV credo di non poterlo installare dato che ho una superficie inferiore ai 20 mq, ma questo è indispensabile se si utilizza una PDC? Consuma molta energia elettrica?

Ivano


Forse ti posso rispondere io.

Da circa 3 mesi ho un impianto solare termico identico a quello di Sergio&Teresa (che puoi vedere in tempo reale su questo sito). I collettori solari sono installati su una falda orientata esattamente come la tua. Sulla stessa falda dal 2010 è installato anche un impianto FV da 2,99 kWp, che occupa 21 mq di superficie e ha prodotto mediamente poco più di 3400 kWh all'anno, di cui solo 1/3 autoconsumati. Il riscaldamento è a pavimento e impiega come generatore una PdC accoppiata a una caldaia a condensazione. Anche se le condizioni climatiche qui sono molto diverse che a Roma (io sto in provincia di Varese), provo a fornirti ugualmente un po' di dati.

In gennaio la PdC ha consumato 943 kWh, a cui bisogna aggiungere 145 smc di metano che equivalgono a circa 1300 kWh, ovvero 435 kWh (con COP = 3) se fossero stati consumati dalla PdC. Nello stesso mese ho immesso in rete 8 kWh, contro una media di 67 kWh quando non avevo la PdC. La quota di autoconsumo si può stimare in circa 60 kWh, che corrispondono al 4% del fabbisogno elettrico complessivo della PdC. N.B. in gennaio il solare termico non c'era ancora.

In febbraio invece, con l'impianto solare termico funzionante ad integrazione del riscaldamento, la PdC ha consumato 515 kWh, a cui bisogna aggiungere 91 smc di metano che equivalgono a circa 820 kWh, ovvero 235 kWh (COP 3,5) se fossero stati consumati dalla PdC. Nello stesso mese ho immesso in rete 33 kWh, contro una media di 97 kWh quando non avevo la PdC. In febbraio la quota di autoconsumo può essere stimata pari a circa l' 8% del fabbisogno elettrico complessivo della PdC. C'è da dire che quest'anno in febbraio di sole se n'è visto davvero poco, almeno da queste parti...

Conclusione: in base alla mia esperienza, il contributo del FV ai fini del riscaldamento invernale non è molto significativo, mentre il FV può dare certamente il meglio di sè in estate, se utilizzerai la PdC anche in raffrescamento. Visto il poco spazio a disposizione, potresti installare un impianto FV da 2 kWp (12-14 mq) e un impianto solare termico dimensionato solo per l'ACS...

ciao,

Stefano

ivano
Messaggi: 39
Iscritto il: dom mar 30, 2014 1:58 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ivano » sab apr 05, 2014 10:19 am

Ho il metano, ma volendo fare il FV mi sbaglio o:
1) 18 mq sono troppo pochi, consentirebbero un impianto da 2 kW
2) già oggi il contributo del conto energia è molto scarso, se non erro viene consigliato di usufruire dell'agevolazione IRPEF (65%) piuttosto che aderire al conto energia.

Nel confronto fra PDC e caldaia non si deve considerare che la prima consente il raffrescamento?
Inoltre, sbaglio affermando che si potrebbe utilizzare una PDC con produzione di acqua ad alta temperartura, questo nel caso si mantegano i termosifoni. In ogni caso, mi sembra che i Bi2 sono a bassa temperatura.

Grazie.

Ciao,
Ivano

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1743
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda sergio&teresa » sab apr 05, 2014 12:53 pm

Non avevo fatto caso alla superficie della falda, in effetti è pochino per il FV.

Attenzione però a non confondere i conti energia:

1) per un FV installato oggi il conto energia non esiste più, puoi avere recupero del 50% della spesa in 10 anni con il 730 con pratica per ristrutturazione, e aderire allo scambio sul posto, che ripaga una quota per kWh immesso in rete dipendente da una serie di fattori. In pratica si tratta di un contributo che può variare tra 0.1 e 0.15 euro/kWh immesso.

2) per il solare termico puoi scegliere se prendere il 65% della spesa in 10 anni con il 730 oppure aderire al conto energia TERMICO, che ripaga in due anni un contributo che dipende dalla superficie lorda che installi (credo sia 340 euro/mq, ma non ne sono certo, bisogna verificare sul sito del GSE).
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

ivano
Messaggi: 39
Iscritto il: dom mar 30, 2014 1:58 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ivano » sab apr 05, 2014 1:22 pm

In gennaio la PdC ha consumato 943 kWh, a cui ...
In febbraio invece, con l'impianto solare termico funzionante ad integrazione del riscaldamento, la PdC ha consumato 515 kWh, ...

Grazie Stefano,
direi che le esigenze energetiche di una PDC non sono trascurabili.

Che conratto hai: 3 o 6 kW? monofase o trifase?

Ciao,
Ivano

ivano
Messaggi: 39
Iscritto il: dom mar 30, 2014 1:58 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ivano » sab apr 05, 2014 1:41 pm

sergio&teresa ha scritto:Attenzione però a non confondere i conti energia ...

Grazie Sergio, effettivamente ho fatto confusione. Sarei orientato per il recupero del 65% come detrazione sull'IRPEF in dieci anni.

Vediamo se riesco a definire un'ipotesi su cui poter lavorare.

Avendo acquistato un nuovo immobile su cui dovrò effettuare dei lavori di ristrutturazione, vorrei installare un impianto solare termico per la produzione ACS e, se possibile/conveniente, per l'integrazione del riscaldamento.

Ho a disposizione una superficie di circa 18/20 mq esposta a sud-est e con una pendenza del 30%.

Siamo una famiglia di tre persone, pensavo ad un Sanicube o un HybridCube (chiederei una spiegazione delle differenze) da 300 L con un adeguato numero di collettori V26 DB (tre o quattro o più?). Se fosse possibile l'integrazione con il riscaldamento l'impianto dovrebbe essere a scarico.

A questo dovrei aggiungere una caldaia a condensazione, vedo che la Rotex fornisce anche dei Kit (tipo GCU compact), sono consigliabili?

Ciao,
Ivano

Avatar utente
ssalvato
Messaggi: 63
Iscritto il: mer mar 19, 2014 8:53 am

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ssalvato » sab apr 05, 2014 2:07 pm

ivano ha scritto:
Che conratto hai: 3 o 6 kW? monofase o trifase?

Ivano


4,5 kW, monofase. La PdC ha una potenza nominale di 8 kW. In pratica, per come ho impostato le tariffe sulla centralina di controllo del sistema ibrido, al massimo ne consuma 2,5. Certo, se devo accendere il forno elettrico e magari la lavatrice, la PdC va temporaneamente spenta, ma questo non è un problema.

@Sergio

Sì, confermo che col conto termico si recuperano 340 € per ogni mq lordo di collettori solari, in 2 anni (vengono versati direttamente sul CC), da cui va sottratto un contributo a favore del GSE che nel mio caso era di 43,14 €.

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1743
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda sergio&teresa » sab apr 05, 2014 2:32 pm

La GCU non è un kit ma una caldaia con accumulo acs. Può sicuramente andare bene come caldaia, comunque da usare a valle dell'accumulo solare. Se dai un'occhiata agli impianti online, l'impianto di Fabrizio è fatto così. D'estate con accumulo solare + accumulo caldaia avresti una riserva di acs davvero importante.

La differenza tra HybridCube e Sanicube sta nella lunghezza delle serpentine cosiddette "di carico", ovvero quelle che peremtterebbero (in assenza di altre fonti di calore) di far salire l'accumulo in temperatura. L'HYC è ottimizzato per essere caricato da una pdc, mentre il SC è stato progettato per essere caricato da una caldaia, e dunque ha una serpentina più corta, con coefficiente di scambio inferiore.

Per impianto solare in scarico io oggi sceglierei l'HYC, più hai una serpentina di carico efficiente e meglio trasferisci il calore fornito dal solare direttamente in casa. Quando ho preso io l'impianto l'HYC non c'era...

Ma PRIMA DI TUTTO devi pensare all'isolamento, scusa se te lo ripeto: con i termosifoni sarebbe un disastro mettere quattro V26 per integrare il riscaldamento (non ne metterei meno) e poi non riuscirci perchè devi mandare i termo a 60-70° per scaldarti.

Quel sud-est quanto è est?
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

ivano
Messaggi: 39
Iscritto il: dom mar 30, 2014 1:58 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ivano » sab apr 05, 2014 2:58 pm

sergio&teresa ha scritto:La GCU non è un kit ma una caldaia con accumulo acs.

Scusa ma sul listino ufficiale Rotex leggo "Kit caldaia a condensazione a gas e solare, ROTEX GCU compact" e di seguito "Kit GCU compact 315/324" e "Kit GCU compact 515/524/533" (pag. 46).

sergio&teresa ha scritto:PRIMA DI TUTTO devi pensare all'isolamento

Come ho scritto nel mio primo post, sicuramente farò un intervento di isolamento sul tetto (consigli ?), ma purtroppo non posso intervenire sulle uniche due pareti esterne (ricordo che si tratta di un villino a schiera) in quanto a cortina con vincoli condominiali.

Per quanto riguarda il riscaldamento radiante, come detto, sono molto dubbioso perché ho l'impressione che l'impegno economico sia notevole (indicazioni ?).

sergio&teresa ha scritto:Quel sud-est quanto è est?

non so dire con precisione, ma ti farò sapere a breve.
Grazie.

Ciao,
Ivano

ivano
Messaggi: 39
Iscritto il: dom mar 30, 2014 1:58 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ivano » sab apr 05, 2014 3:16 pm

ssalvato ha scritto:Quel sud-est quanto è est?

Allego un'immagine (qualità pessima), ovviamente, l'immobile è quello nel riquadro.

Ciao,
Ivano
Allegati
document.png
fotografia aerea
(1.53 MiB) Scaricato 55 volte

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1743
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda sergio&teresa » sab apr 05, 2014 3:23 pm

Mmmmm :roll:

L'esposizione non è davvero il massimo per un'integrazione al riscaldamento, e anche l'isolamento potrà essere quel che sarà se non puoi cappottare le pareti....

Non so, a me pare che le incognite siano un po' troppe, forse ti conviene rimanere su un più sicuro solare termico per acs.

La GCU è una caldaia, che poi Rotex vende in kit con un solare, ma la compri anche da sola. Se fai solo solare termico per acs il kit andrà benissimo...
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

ivano
Messaggi: 39
Iscritto il: dom mar 30, 2014 1:58 pm

Re: Realizzazione di un impianto solare termico

Messaggioda ivano » sab apr 05, 2014 6:03 pm

sergio&teresa ha scritto:L'esposizione non è davvero il massimo per un'integrazione al riscaldamento

Ho fatto una misurazione con il mio smartphone, vedi immagine, sperando che sia sufficientemente corretta.

sergio&teresa ha scritto:anche l'isolamento potrà essere quel che sarà se non puoi cappottare le pareti

Un eventuale isolamento intervenendo sull'interno lo consiglieresti?

sergio&teresa ha scritto:Non so, a me pare che le incognite siano un po' troppe

Nell'eventualità che riesca a sfruttare una superficie maggiore della falda, diciamo 20/21 mq, cambierebbe qualcosa? Si potrebbe ipotizzare un FV adeguato ed ovviamente che consenta un ritorno economico che meriti l'investimento?

Grazie di nuovo.

Ciao,
Ivano
Allegati
Orientamento.png
Orientamento
(11.95 KiB) Scaricato 55 volte


Torna a “Solare Termico”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite