Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Domande sulle soluzioni impiantistiche e le migliori pratiche del solare termico.

Moderatori: sergio&teresa, paolo

Avatar utente
GuglielmoElT
Messaggi: 61
Iscritto il: lun mar 19, 2012 6:24 pm

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda GuglielmoElT » sab feb 14, 2015 11:32 am

Per intederci a casa mia ho proprio la curva climatica +40 a zero, ma ho i termosifoni in alluminio, che faccio lavorare h24 ma sono pur sempre termosifoni.


Curiosità:
Il circuito lavora h24 con riduzione di temperatura notturna?
O la regolazione h24 é fissa, esempio 19°
Grazie
Casa in zona E, GG 2364, Irradianza 253, -21° Est.
Impianto FV 3,9 Kw, 17 pannelli LDK, inverter Power-One Aurora
ACS nel bagno + distante con Nuos Evo Split

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1628
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda fcattaneo » sab feb 14, 2015 12:20 pm

Lo lascio andare in comfort continuo senza riduzione notturna.

Poi nelle stagioni primaverili cambio la strategia per far rendere il solare... lascio in comfort nella notte e faccio una riduzione diurna in modo da far funzionare il riscaldamento solo con il solare senza la necessità che la caldaia intervenga.

Avatar utente
GuglielmoElT
Messaggi: 61
Iscritto il: lun mar 19, 2012 6:24 pm

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda GuglielmoElT » sab feb 14, 2015 2:19 pm

Bella soluzione.
Io ho l'impianto con radiatori (ghisa), caldaia a condensazione con sonda a nord, lavoro in climatica ma con riduzione notturna.
Causa una camera poco coibentata, mi ritrovo che causa la riduzione notturna, nelle giornate + fredde, un abbassamento di temperatura, che poi stenta a risalire.
Pensavo di provare "copiando" la tua soluzione, ritoccando magari la temperatura questa primavera, visto che non ho il solare termico.
Casa in zona E, GG 2364, Irradianza 253, -21° Est.
Impianto FV 3,9 Kw, 17 pannelli LDK, inverter Power-One Aurora
ACS nel bagno + distante con Nuos Evo Split

beppe69
Messaggi: 41
Iscritto il: dom set 14, 2014 9:17 am

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda beppe69 » dom feb 22, 2015 1:16 pm

Collegamento idrostufa con termosifoni nel seminterrato

Stanno predisponendo il collegamento dei termosifoni con la termostufa a pellet da 14 Kw ( 10 all'acqua + 3 all'aria) con n° 4 termosifoni da 20 elementi ,4 colonne altezza 87,5 cm.
Non sembra un po' eccessivo come numero di elementi?
Cosa può comportare al funzionamento un eccessivo numero di elementi?

Grazie
Giuseppe

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1628
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda fcattaneo » dom feb 22, 2015 5:33 pm

beppe69 ha scritto:
Cosa può comportare al funzionamento un eccessivo numero di elementi?



Nessun problema..
Al limite è un minor numero di elementi che puo dare problemi, non un numero eccessivo.
La potenza fornita all'ambiente sara sempre e comunque quella prodotta dalla termostufa.

F.

beppe69
Messaggi: 41
Iscritto il: dom set 14, 2014 9:17 am

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda beppe69 » lun feb 23, 2015 8:44 pm

Mi spiegava oggi l'idraulico che il collettore è stato predisposto in base alle informazioni iniziali.
Stiamo concordando alcuni dettagli per evitare un ulteriore cambiamento che voglio condividere con voi. (Premesso che stiamo impostando il funzionamento in climatica)

1_Per evitare di eliminare la valvola “ punto fisso”, mi proponeva eventualmente di tenerla aperta al massimo. Fattibile o meglio toglierla?

2_I circuiti dei 2 termo della taverna e quello del bagno, entrambi nel seminterrato, verranno collegati “ prima del punto fisso” ( perché precedentemente pensati per il circuito dell'alta). A questo punto, non essendoci più il punto fisso, questi 2 circuiti sono equivalenti agli altri circuiti del pavimento radiante ? Sono solamente una derivazione anticipata rispetto alle altre, ma di fatto lavorano tutti in climatica!? E' forse il caso di rivedere il collettore?

La pompa di rilancio posizionata nel collettore, è ritenuta indispensabile dall'idraulico perché, per esperienza, ritiene che la sola pompa della caldaia non sia sufficiente per tutti gli altri circuiti. Anche su questa cosa sono stato colto di sorpresa. Voi cosa pensate?


Allego la foto del collettore.

Grazie
Giuseppe
Allegati
collettore.pdf
(310.29 KiB) Scaricato 80 volte

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1628
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda fcattaneo » mar feb 24, 2015 6:22 am

beppe69 ha scritto:
Mi spiegava oggi l'idraulico che il collettore è stato predisposto in base alle informazioni iniziali.
Stiamo concordando alcuni dettagli per evitare un ulteriore cambiamento che voglio condividere con voi. (Premesso che stiamo impostando il funzionamento in climatica)

1_Per evitare di eliminare la valvola “ punto fisso”, mi proponeva eventualmente di tenerla aperta al massimo. Fattibile o meglio toglierla?

... E' forse il caso di rivedere il collettore?

La pompa di rilancio posizionata nel collettore, è ritenuta indispensabile dall'idraulico perché, per esperienza, ritiene che la sola pompa della caldaia non sia sufficiente



Aprire tutta la valvola miscelatrice a punto fisso eviterebbe di toglierla ma obbligherebbe a lasciare la pompa nel colletttore che non serve assolutamente a nulla ( tranne naturalmente ad aumentare i costi elettrici x la distribuzione.

Quel collettore è un insulto alla regolazione climatica... che va fatta in impianti a pavimento per garantirne il confort usando collettori piu' semplici ed economici.

La pompa nella caldaia normalmente opera per almeno 250-270 Mq. di pavimento radiante ed è molto piu' grande di quella presente nel tuo collettore.. va da se che lo capisci da solo che la storia che non sarebbe sufficiente è una grande bufala.

Secondo me il tuo idraulico puo modificare quel collettore per togliere la pompa e la valvola termostatica.. i 2 circuiti che erano di alta vanno collegati in parallelo con gli altri .. se possibile lasciando anche per loro le valvoline di regolazione della portata.

Ciao,
F.

beppe69
Messaggi: 41
Iscritto il: dom set 14, 2014 9:17 am

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda beppe69 » mar feb 24, 2015 12:41 pm

Penso di aver capito.
E' possibile però avere uno schema ( anche descrittivo) in modo tale da evitare molti giri di parole e chiedere all'idraulico ( e al suo termotecnico), il collettore “ corretto”.

Grazie
Giuseppe

beppe69
Messaggi: 41
Iscritto il: dom set 14, 2014 9:17 am

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda beppe69 » lun mar 02, 2015 4:22 pm

Ho intenzione di posizionare un termostato in sala perchè ci sarà anche il calore della stufa a legna.
Ma se io volessi spegnere il riscaldamento nelle ore centrali della giornata ( 11÷16 nei giorni feriali ) , nel momento in cui le temperature sono meno rigide , è una cosa fattibile con quel termostato o un altro termostato? Come posso fare il collegamento?

Grazie
Giuseppe

beppe69
Messaggi: 41
Iscritto il: dom set 14, 2014 9:17 am

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda beppe69 » gio mar 26, 2015 3:11 pm

Salve.

Volevo chiedervi una informazione su come posizionare i pannelli .
Con l'orientamento delle falde del tetto Est- Ovest ( quasi preciso), dovendo mettere 2 pannelli Rotex V21 ( circa 2 mq cadauno ), vi chiedo se il posizionamento che ho pensato, 1 pannello per falda sul colmo, può essere la soluzione per ottimizzare l'irraggiamento.
Facendo così otterrei qualcosa in più in inverno sulla falda ad Est, mentre in Estate anche se il miglior posizionamento è ad Ovest, non dovrebbero esserci problemi.
Ricordo che parliamo solo di acs con puffer da 300 litri.
Attendo vostri consigli

Grazie
Giuseppe

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1628
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda fcattaneo » gio mar 26, 2015 4:29 pm

Dal punto di vista teorico e pratico l'irraggiamento ad EST e ad Ovest è esattamente identico.. quindi mettendo 1 pannello ad est e uno ad ovest si produce la stessa quantita di energia in inverno ( cioè molto poca ).

In estate una distribuzione tra le falde est/ovest del campo solare determina una produzione identica ad una delle 2 falde ma con produzione piu distribuita nelle ore del giorno.. cosa che potrebbe essere utile in caso di impianti ad uso estivo con consumo distribuito molto al mattino e alla sera.

Per una abitazione è una idea sbagliata ed inutile.

Ciao,
F.

beppe69
Messaggi: 41
Iscritto il: dom set 14, 2014 9:17 am

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda beppe69 » gio mar 26, 2015 9:25 pm

Quindi mi consigli il posizionamento di entrambi i pannelli sulla falda a ovest?

Ciao

beppe69
Messaggi: 41
Iscritto il: dom set 14, 2014 9:17 am

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda beppe69 » lun mar 30, 2015 11:26 am

Scusa l'insistenza,
quale falda mi consigli per il corretto posizionamento dei pannelli?

Ciao

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1628
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda fcattaneo » lun mar 30, 2015 5:31 pm

Falda Ovest..

beppe69
Messaggi: 41
Iscritto il: dom set 14, 2014 9:17 am

Re: Caldaia istantnea o solo riscaldamento?

Messaggioda beppe69 » gio mag 07, 2015 1:08 pm

Salve,

Vi aggiorno sui lavori esguiti nella casa ristrutturata.
Tutti gli impianti idraulici sono stati eseguiti come da consigli degli esperti di portalsole.
_Caldaia a condensazione Immergas istantanea 26 Kw e non 36Kw
_Collettore “ semplice “senza pompa e senza valvola miscelatrice per pavimento radiante 1° piano
_Pannelli solari sulla falda ovest
_Impianto “ indipendente “ nel seminterrato con stufa a pelled idro collegato ai termosifoni
Manca ancora il posizionamento del puffer rotex e della sonda esterna.

Da qualche giorno l'idraulico ha accesso la caldaia perchè prima di posare il pavimento è necessario asciugare bene il massetto e comunque fare una prova dell'impianto.
La caldaia è stata settata inizialmemte con una temperatura di mandata dell'acqua a 32° ed in questi 2 giorni ho registrato un consumo medio giornaliero di 10 mc. Ora dovrò salire di 2° ogni 2 giorni fino ad arrivare a 40°.

Vi chiedo:
Avete già avuto esperinenza di queste accensioni di prova con incrementi di temperatura a step?Questo consumo di 10mc al giorno è un parametro di riferimento che mi può dare un idea del mio consumo invernale ( se così fosse direi che non è propriamente un basso consumo ) oppure no?
Ho guardato sul libretto d'istruzioni il grafico della curva climatica; a parte la difficoltà a capire quale fosse la scala della T° sull'asse verticale, quale curva mi consigliate ( come prova / partenza ) per l'accensione definitiva in autunno?

Grazie
Giuseppe


Torna a “Solare Termico”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite