Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Domande sulle soluzioni impiantistiche e le migliori pratiche del solare termico.

Moderatori: sergio&teresa, paolo

matteo1985
Messaggi: 11
Iscritto il: sab feb 04, 2012 7:35 pm

Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda matteo1985 » ven feb 10, 2012 5:00 pm

Ciao a tutti!
Io voglio mettere un impianto per la produzione di acqua calda sanitaria e devo integrare la produzione, nei periodi di scarsità di energia solare, mediante una caldaia a metano. Le ipotesi sono 2 e allego breve schema in immagine. La prima prevede un accumolo con doppia serpentina che dovrebbe stratificarsi in modo da utilizzare il solare come preriscaldamento; la seconda prevede un accumulo esclusivamente solare e una caldaia istantanea che interviene solo nel momento in cui l'accumulo non sia alla temperatura desiderata. Ora espongo i vantaggi e gli svantaggi delle 2 ipotesi così qualcuno mi può aiutare nella scelta. Premesso che abito in valle d’aosta e ho una temperatura dell’acqua in ingresso abbastanza bassa in inverno, 7/8 gradi. Tuttavia, essendo nel versante esposto a sud, ho un buon numero di ore di sole e credo di riuscire a portare l’acqua anche in inverno a 30/35 gradi forse anche più. Siamo fuori casa tutto il giorno e utilizziamo l’acqua calda principalmente per la sera.

Ipotesi 1:
Allora guardando sulle caratteristiche ho visto che gli accumuli a stratificazione arrivano a 30/35 gradi di differenza di temperatura tra sopra e sotto, quindi se io imposto una temperatura di 60 gradi nella parte bassa avrò 25/30 gradi. Questo implica che, nelle giornate invernali dove riuscirei a scaldare l’acqua con il solare solo fino a 30/35, avendo un ingresso dell’acqua a 8 gradi, non riesco a sfruttare il preriscaldamento solare invernale nell’intervallo di temperatura 8-25 gradi. Inoltre rimarrebbe sempre dell’acqua mantenuta calda dalla caldaia anche quando non sono presente in casa con il relativo spreco di energia anche se minimo.

Ipotesi 2:
In questo caso al bollitore sarebbe collegato solo il solare, quindi in qualsiasi momento ho una differenza di temperatura tra l’acqua dei pannelli e l’acqua all’interno dell’accumulo inizierei ad avere un guadagno di energia. Nel caso in cui l’accumulo dovesse essere al di sotto di una certa temperatura(50°) una centralina invierebbe l’acqua in uscita dall’accumulo alla caldaia istantanea così da integrare la differenza di temperatura. In questo caso avrei 2 vantaggi: il primo è che sfrutto il solare per il preriscaldamento da 8° in su, senza nessun limite; il secondo è che non ho acqua calda nei momenti in cui non la utilizzo, eliminando così le perdite di energia dell’accumulo. Lo svantaggio, anche se non ne sono sicuro e quindi vorrei un aiuto, è che la caldaia istantanea ha forse un rendimento inferiore.

In conclusione a naso io opterei per l’ipotesi 2, poiché mi sembra quella più efficiente, però vorrei da qualcuno di voi più esperto una valutazione più precisa delle 2 situazioni.
Grazie dell’aiuto.
Allegati
solare.jpg
(333.07 KiB) Mai scaricato

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1849
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda sergio&teresa » ven feb 10, 2012 6:38 pm

Qui su Portalsole l'ipotesi preferita e' sempre la 2, anche se alcuni utenti del forum hanno la 1. Personalmente credo che con una buona esposizione a sud ed un buon numero di ore di sole i cieli tersi valdostani ti permetteranno di andare ben al di la' di 30-35 gradi (in un accumulo da 2-300 litri).

E' anche vero che se siete fuori casa durante il giorno e scegli l'opzione 1 puoi anche cavartela con una programmazione oraria della caldaia che escluda l'intervento sull'accumulo nelle ore diurne, e quindi alla fine le due situazioni potrebbero non essere così differenti.

Visto che sarai abbastanza costretto a mettere un circolazione forzata, puoi provare a pensare anche ad un'integrazione al riscaldamento nell'ipotesi 2, ovvero ad un impianto come il mio. L'investimento e' maggiore ma se hai la possibilità di inclinare i pannelli su un tetto ben esposto a sud (che forse avrai già inclinato per conto suo visto dove vivi) puoi toglierti delle belle soddisfazioni come me le sto togliendo io.

Ciao
Sergio
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

matteo1985
Messaggi: 11
Iscritto il: sab feb 04, 2012 7:35 pm

Re: Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda matteo1985 » ven feb 10, 2012 11:02 pm

ecco un altro possibile problema dell'ipotesi 2 è il possibile formarsi di legionella, nella stagione invernale, quando la temperatura del bollitore potrebbe, per periodi piuttosto lunghi, non superare i 50 gradi. secondo voi è un problema serio?

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1849
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda sergio&teresa » sab feb 11, 2012 8:32 am

Si (in entrambe le ipotesi). Lo risolvi usando un accumulo di acqua tecnica e non di acs, l'acs la fai passare in una serpentina. Ad esempio gli accumuli Rotex, ma ce ne sono molti altri.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

matteo1985
Messaggi: 11
Iscritto il: sab feb 04, 2012 7:35 pm

Re: Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda matteo1985 » dom feb 12, 2012 1:45 pm

Questi accumuli di acqua tecnica con serpentina per l'ACS funzionano bene? cioè se l'accumulo è a 50° e l'acqua dell'acquedotto mi arriva a 8° passando nella serpentina esce anch'essa e circa 50°? e se sì che flusso riesce a scaldare?
grazie

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1849
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda sergio&teresa » dom feb 12, 2012 2:06 pm

Non hai bisogno di 50° al rubinetto, a 50° l'acqua scotta in modo già non sopportabile. A 60° inizia a ustionare, e infatti normalmente chi ha un impianto solare deve montare una miscelatrice con limitazione a 55°.

Molti di noi qui hanno accumulo Rotex Sanicube che funziona secondo quanto scritto. Le caratteristiche le trovi in fondo al depliant che trovi a questo link:
http://it.rotex-heating.com/fileadmin/p ... ARISit.pdf

Ciao
Sergio
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

Mauro1980
Messaggi: 356
Iscritto il: mer ago 31, 2011 10:00 pm

Re: Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda Mauro1980 » dom feb 12, 2012 4:36 pm

sergio&teresa ha scritto:E' anche vero che se siete fuori casa durante il giorno e scegli l'opzione 1 puoi anche cavartela con una programmazione oraria della caldaia che escluda l'intervento sull'accumulo nelle ore diurne, e quindi alla fine le due situazioni potrebbero non essere così differenti.

Ciao Matteo,

Condivido quello che ha scritto Sergio, soprattutto questa frase, adottando la scelta 1 ti consiglio d'integrare la caldaia solo dopo che il sole è calato dato che di giorno non consumi acs usando un timer.
Sul puffer ad acqua tecnica invece, se non pensi d'integrare il riscaldamento col solare, (consigliabile in Val d'Aosta ed impianto a media o bassa T) meglio scegliere il bollitore, hanno T di fondo inferiori, quindi rese solari maggiori.
Hai un impianto a pavimento o comunque a T non elevate?

In sintesi un bollitore da 300 litri di buona fattura ben coibentato con due serpentine, ed azionando quella in alto solo fino alle 9 e dalle 16 in poi, è un'ottima scelta, hai igiene ed efficienza.
Imposta come scrive Sergio la T a 50°C, oltre non serve, e due volte alla settimana scalda per 30 min l'acqua a 70°C (funzione antilegionella già inserita in molte centraline) la sonda per il funzionamento della caldaia posizionala sopra la metà del bollitore hai così sempre 100-120 litri utili.
Per i pannelli, avendo T esterne molto rigide, tendenzialmente sono meglio i tubi sottovuoto, tanto più per fare acs.

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1849
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda sergio&teresa » dom feb 12, 2012 5:43 pm

Mauro1980 ha scritto:Per i pannelli, avendo T esterne molto rigide, tendenzialmente sono meglio i tubi sottovuoto, tanto più per fare acs.

Si, come no...

Immagine

Foto tratta da questa discussione sul forum di EnergeticAmbiente:
http://www.energeticambiente.it/termico ... tagna.html
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

Mauro1980
Messaggi: 356
Iscritto il: mer ago 31, 2011 10:00 pm

Re: Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda Mauro1980 » lun feb 13, 2012 2:39 pm

sergio&teresa ha scritto:Si, come no...

la neve è una cosa, la T un'altra

Ti dico solo che dai mie si è già sciolta ed è scolata via,mentre sui pannelli piani FV è ancora presente
E' ASSODATO che ad elevati DT tra fluido solare e T ambiente i pannelli sottovuoto abbiano rendimenti superiori, che è quello che accade in val d'Aosta, dove le T sono ben al di sotto lo 0°c anche di giorno

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1849
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Integrazione solare-caldaia a metano per ACS

Messaggioda sergio&teresa » lun feb 13, 2012 4:54 pm

Non c'è bisogno di usare i maiuscoli.

In quella discussione si parla anche di brina, non solo di neve. E comunque in Val d'Aosta nevica abbastanza.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3


Torna a “Solare Termico”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti