GSU : come migliorare l'integrazione al risc.

Informazioni, opinioni sui sistemi a svuotamento.

Moderatori: sergio&teresa, Jekterm

mcrep
Messaggi: 23
Iscritto il: dom mar 02, 2008 12:02 am

Messaggioda mcrep » dom mar 16, 2008 3:52 am

Ciao Fabrizio,

eccomi a raccontare le mie esperienze con il GSU 520.

Anche la mia esperienza conferma quello che in tanti hanno già esposto in questo Forum.

1- Per aumentare il rendimento dell integrazione solare il sanicube deve essere essere a temperatura più bassa possibile.

2- Il bruciatore deve essere fermato mentre c'è insolazione.

Il punto 2 nel mio impianto e ottenuto "manualmente" ( tengo Il Gsu su estate).

Per il punto 1 la mia idea era di usare il calore accumulato (tramite il Termocamino) nel sanicube , per riscaldare la casa con i radiatori, è possibile anche a caldaia spenta perché ho dei circolatori comandati da termostati ambiente. Cosi al mattino prima di uscire attivavo le pompe circolatrici e le disattivavo quando rientravo.
Dopo un breve periodo di test si poteva notare che anche con alta temperatura nel sanicube i radiatori al max arrivavano ad essere tiepidini, anche dopo ore. Pare evidente che lo scambiatore chiamato "integrazione solare" è del tutto insufficente . Faccio un esempio fantastico, mettiamo che in Gennaio capiti una giornata d'insolazione da 21 giugno e che la temp nel sanicube raggiunga gli 80°, con quel piccolo scambiatore i radiatori al max diventano tiepidi.
Per come è fatto il mio impianto, termocamino allacciato al GSU, mi trovo esttamente nella condizione sopra descritta.
Guardando lo schema a bolcchi del GSU si nota che la scambiatore di carico ACS e molto piu grande di quello integrazione solare , l'idea è di usarlo per il riscaldamento.
La presenza della valvola tre vie rende possibile questo senza apportare nessuna modifica, basta commutarla manualmente con l'apposita leva a slitta e la valvola si posiziona circa al centro, cioè 50% di fluido passerà per lo scambiatore integrazione solare e altro 50% per lo scambiatore grande normalmente usato per il carico ACS.
La leva della valvola è piuttosto dura da muovere e ogni giorno si riposiziona da sola, forse un reset del GSU.
Io non mi sono cimentato nel cercare possibilita di pilotaggio della valvola con comandi software, se qualcuno ha idee in merito sono davvero gradite.

In questo modo in poche ore tutto il calore accumulato nel sanicube si trasferisce (rendimento permettendo) ai radiatori.
Per chi non ha circolatori esterni al GSU dovrebbe riuscire a far partire la pompa interna senza far partire il bruciatore e posizionado la valvola come sopra descritto , forse lavorando sui tanti programmi si puo fare.

Ciao
Maurizio

Torna a “Impianti Daikin/Rotex”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti