Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

L'uso razionale dell'energia e tutto quanto serve per raggiungere i migliori obiettivi di efficienza energetica.
Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1584
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda fcattaneo » gio giu 02, 2016 8:04 am

Penso che per "valore di progetto" intenda del processo disciugatura e non del riscaldamento .

stefano73
Messaggi: 60
Iscritto il: sab mag 24, 2014 6:58 am
Località: Albisola Superiore

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda stefano73 » ven ott 14, 2016 5:42 am

Buongiorno a tutti,
da agosto mi sono finalmente trasferito!
Finora in casa si sta bene e non abbiamo ancora acceso il riscaldamento; sono curioso di vedere come si comportera' e di come riusciro' a settarlo.
Devo ancora installare la sonda esterna ed e' arrivato il momento di definire uno dei punti che (volutamente) non avevo approfondito: la casa non ha praticamente muri rivolti a nord...
L'unica possibile soluzione per avere la sonda a nord e' installarla sul lato dello spiovente del tetto che sporge di una 40 di cm rispetto alla casa vicina; ho fatto arrivare corrugato in quel posto e dovro' posizionarla li ma ho timore che "il riverbero" del muro della casa confinante (che ovviamente e' rivolto circa ad est e quindi si "scalda" col sole del mattino) possa influenzare le letture della sonda..
Cosa ne pensate? Come sempre ogni suggerimento e' ben gradito.

Grazie a tutti
Stefano

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1694
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda sergio&teresa » ven ott 14, 2016 9:50 pm

Se sta così vicina non irraggia solo la sonda, ma anche casa tua.... non me ne preoccuperei più di tanto.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

stefano73
Messaggi: 60
Iscritto il: sab mag 24, 2014 6:58 am
Località: Albisola Superiore

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda stefano73 » lun ott 17, 2016 6:10 am

Ciao Sergio,
sia il mio muro che quello del vicino sono rivolti ad est (in pratica e' lo stesso muro che continua da casa mia al vicino) e solo il lato esterno dello spiovente del mio tetto che esce di circa 35-40 cm e' rivolto a nord. Pero' la casa del vicino e' di poco piu' alta e quindi il lato nord dello spiovente del mio tetto forma un angolo di 90 con questo "famoso" muro per cui la sonda lo avrebbe a ben poca distanza..
spero di essermi spiegato bene.
Come dicevo non ho altre opzioni e quindi dovro' cercare di capire se al mattino le letture della sonda saranno sfalsate e di quanto.
Grazie

Stefano

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1694
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda sergio&teresa » lun ott 17, 2016 10:09 pm

Puoi aggiungere qualcosa di ombreggiante tra la parete e la sonda? Come una piccola paretina sporgente. Va capito anche per quante ore avresti questo possibile irraggiamento, se si tratta di poco (specialmente in inverno a sole basso) puoi anche ignorarla.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

stefano73
Messaggi: 60
Iscritto il: sab mag 24, 2014 6:58 am
Località: Albisola Superiore

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda stefano73 » mar ott 18, 2016 6:45 am

In effetti devo valutare a questa stagione quante ore di irraggiamento solare ci siano. Sicuramente dal mattino presto e poi via via "di striscio".
Non appena rientro a casa in riposo controllo. Anche io avevo pensato ad una qualche paretina isolante...vedro' cosa riesco a fare.
Comunque mi sembra di capire che non sia niente di "preoccupante".
Grazie
Ciao
Stefano

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1694
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda sergio&teresa » mar ott 18, 2016 11:31 pm

Secondo me no, il massimo che ti può succedere è che per qualche mezzora ti si spenga la caldaia perchè la sonda vede una T un po' più alta, ma tieni conto che un irraggiamento indiretto ha effetti ben minori rispetto ad un irraggiamento diretto.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

stefano73
Messaggi: 60
Iscritto il: sab mag 24, 2014 6:58 am
Località: Albisola Superiore

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda stefano73 » mer nov 16, 2016 3:39 pm

Buongiorno a tutti,
finalmente posso iniziare a chiedere qualche informazione "pratica" e commentare dati "reali" dato che da 48 ore ho il mio bel riscaldamento a pavimento realizzato su indicazioni di Portalsole acceso! Faccio la dovuta premessa pero' che, per vari motvi, non ho ancora installato la sonda climata :oops: ; sto pero' cercando di capire come funziona il tutto e come risponde la casa.... :roll:
Avendo notato che la casa e' piuttosto calda "di suo" (fino a lunedi' non avevamo necessita' di scaldare) ho iniziato col far andare la caldaia in continuo al minimo possibile e quindi con una temperatura di mandata di 30 gradi (T di progetto 35 gradi). Fatto bene? Fatto male?
Osservazioni dopo 48 ore:
- non ho grandi diversita' tra le stanze: da 22.5 circa a 23.4. Temperature esterne di questi giorni dai 10 ai 15 gradi. In effetti dentro e' piuttosto caldo e penso che in queste stagioni intermedie la caldaia dovra' lavorare on-off oppure dovremmo vestire "leggero". Ora procedero' a ridurre un po' le portate al piano alto delle camere da letto per valutarne gli effetti.
- la caldaia lavora sempre con il bruciatore al minimo anche quando ho acceso il riscaldamento e avevo un elevato DeltaT tra mandata e ritorno. Questo fatto mi lascia piuttosto perplesso perche' avrei pensato che il bruciatore iniziasse a potenze piu' elevate e poi riducesse man mano che il DT si abbassasse....
- la pompa e' a portata modulabile ma non posso verificare dallo schermo se sta modulando oppure no...come mi influisce questo fatto sulle regolazioni che devo fare?
Grazie
Stefano

stefano73
Messaggi: 60
Iscritto il: sab mag 24, 2014 6:58 am
Località: Albisola Superiore

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda stefano73 » mer nov 16, 2016 4:17 pm

Dimenticavo una cosa importante, e' la prima volta che mi trovo a stare in un ambiente scaldato a pavimento ed e' veramente un altro mondo rispetto ai termosifoni :shock: :lol:
La bellezza anche di non sentire il pavimento gelato :mrgreen:

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1584
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda fcattaneo » mer nov 16, 2016 7:36 pm

Per regolare le portate meglio prima avere installata la sonda climatica.

Occorre infatti prima azzeccare la curva che permette di stare a 20 gradi nella stanza piu' fredda.. poi si procede a tarare i flussi x avere le T desiderate nei locali piu caldi,.

Ciao,
F.

stefano73
Messaggi: 60
Iscritto il: sab mag 24, 2014 6:58 am
Località: Albisola Superiore

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda stefano73 » gio nov 17, 2016 9:23 am

Ok perfetto allora dovro organizzarmi per installarla quanto prima.
Circa il funzionamento della sonda, quando la temperatura esterna sale oltre una certa temperatura stabilita dalla curva climatica scelta, come viene gestita la caldaia? Ossia, come fa la caldaia a capire che anche al minimo sta fornendo piu' calore del necessario e quindi si deve spegnere?
Per esempio oggi fuori non fa tanto freddo e ho dovuto giocoforza spegnere l'impianto per non alzare troppo le temperature in casa (23 reali sembrano molti di piu').
Grazie come sempre
Stefano

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1694
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda sergio&teresa » ven nov 18, 2016 12:45 am

stefano73 ha scritto:quando la temperatura esterna sale oltre una certa temperatura stabilita dalla curva climatica scelta, come viene gestita la caldaia? Ossia, come fa la caldaia a capire che anche al minimo sta fornendo piu' calore del necessario e quindi si deve spegnere?


La curva climatica segue tutte le T esterne (fino a 20° esterni di solito), quindi la T esterna non può salire "oltre una certa T stabilita dalla curva....".

Se la caldaia al minimo sta fornendo più calore del necessario, il ritorno gradualmente sale, la mandata gradualmente anche, e quando supera il setup dato dalla climatica (più un margine di isteresi di qualche grado) spegne il bruciatore lasciando circolare solo acqua. Quando l'acqua si è raffreddata sotto il setup (meno un pargine di isteresi di qualce grado) riparte il bruciatore e così via.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

stefano73
Messaggi: 60
Iscritto il: sab mag 24, 2014 6:58 am
Località: Albisola Superiore

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda stefano73 » sab nov 19, 2016 11:04 am

Sergio dici che "il ritorno gradualmente sale, la mandata gradualmente anche," quindi se capisco bene c'e' una certa "flessibilita'" nei valori di temperatura di mandata in base a quella del ritorno?
Sebbene, ripeto, non ho ancora installato la sonda esterna, (devo aspettare che l'impresa mi sgombri il locale dove devo far passare la linea.. :evil: ) proprio oggi ho notato che la caldaia stava mandando acqua a 34 gradi pur avendo settato io la temperatura di mandata a 30. I ritorni su un paio di collettori erano a 30, sugli altri 2 a 28-29. C'e' una spiegazione a cio? Secondo me avrebbe dovuto spegnersi...Provo a tenerla accesa per vedere fino a quanti gradi sale?
Senza la sonda esterna la caldaia dovrebbe gestirsi in base alle temperature di mandata e ritorno quindi dovrebbe spegnersi ugualmente (a prescindere da temperatura esterna)?

Grazie
Saluti
Stefano

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1584
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda fcattaneo » sab nov 19, 2016 8:45 pm

Con le caldaie la T non sta mai al valore vero richiesto dalla climatica.. ma pendolano sopra e sotto.. questo perche anche al minimo della potenza ne forniscono troppa rispetto a quella richiesta; di conseguenza funzionano On/Off a basso carico.
Nella case moderne in classe A arrivano a non andare mai in modulazione tantè che le caldaie non sono sicuramente il generatore di calore adatto x le case moderne a basso e bassissimo consumo.

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1694
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Realizzazione impianto di riscaldameto a pavimento

Messaggioda sergio&teresa » dom nov 20, 2016 12:33 am

stefano73 ha scritto:Sergio dici che "il ritorno gradualmente sale, la mandata gradualmente anche," quindi se capisco bene c'e' una certa "flessibilita'" nei valori di temperatura di mandata in base a quella del ritorno?


C'è una isteresi, nel senco che c'è un setup di valore di mandata configurato (da curva climatica o da punto fisso) e poi la caldaia decide di accendere il bruciatore quando la mandata sta sotto il setup di un certo DT1 e spegne quando la mandata sta sopra il setup di un certo DT2.

Ma non è da quello che dipende la frase che ho quotato..... dipende unicamente dal fabbisogno. Supponi che la caldaia stia mandando esattamente quanto richiesto in termini di temperatura e potenza in casa andando al suo minimo: a seconda della portata sul circuito, il ritorno va sotto si un certo DT rispetto alla mandata, il bruciatore ripristina esattamente la potenza che serve a riportare la mandata al valore esatto e tutto continua perfetto. Supponiamo che il DT in qeuste condizioni sia 6 gradi.

Supponi ora che invece il fabbisogno di casa tua sia la metà..... e che la mandata parta perfetta e precisa secondo quanto calcolato. Se il fabbisogno è metà del caso precedente, a parità di portata sul circuito il ritorno non rientra in caldaia ad una T ineriore di 6 gradi.... ma di 3 gradi. Siccome la caldaia abbiamo detto che è al minimo, meno della potenza minima non può dare all'acqua, che sale così di 6 gradi.... cioè 3 gradi sopra la mandata esatta. Quindi la mandata si alza per effetto di un ritorno più alto del caso di fabbisogno centrato sulla potenza minima. Alzandosi la mandata, anche il ritorno gradualmente si innalzerà, e la mandata si innalzerà ulteriormente..... fino a superare anche l'isteresi e così il bruciatore spegne.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3


Torna a “Risparmio Energetico”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite