Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

L'uso razionale dell'energia e tutto quanto serve per raggiungere i migliori obiettivi di efficienza energetica.
Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1773
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » ven nov 16, 2012 12:20 am

Stefano, la T caldaia (che corrisponde alla T mandata) la dovresti poter leggere sulla centralina della caldaia.

Fabrizio, in teoria con 15 gradi esterni e curva 1.4 dovrebbe avere 30 gradi. In pratica no, perché a causa del fabbisogno troppo basso e della bassa efficienza dei termosifoni, se va come a casa mia l'acqua gira a 25 gradi e quando la caldaia accende spara su a 35-40, e quindi spegne per superamento del setup. Risultato: caloriferi freddi. L'unica secondo me è aumentare il carico in periodi brevi della giornata, finché non farà freddo.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » ven nov 16, 2012 8:09 am

sergio&teresa ha scritto:Stefano, la T caldaia (che corrisponde alla T mandata) la dovresti poter leggere sulla centralina della caldaia.

Fabrizio, in teoria con 15 gradi esterni e curva 1.4 dovrebbe avere 30 gradi. In pratica no, perché a causa del fabbisogno troppo basso e della bassa efficienza dei termosifoni, se va come a casa mia l'acqua gira a 25 gradi e quando la caldaia accende spara su a 35-40, e quindi spegne per superamento del setup. Risultato: caloriferi freddi. L'unica secondo me è aumentare il carico in periodi brevi della giornata, finché non farà freddo.


Ciao a tutti.
Ho fatto tutte le vostre prove consigliate ma niente da fare. Ancora termosifoni freddi e stamani da me sono 4 gradi esterni.
Ho chiamato l'idraulico perché credo trattasi di altra tipologia di problema. Proverò anche a chiamare la Viessmann (ho un contatto con un referente). Se non ripartirà il tutto metterò il "vecchio" frontalino con funzionamento a temperatura costante facendo lavorare la caldaia sempre a 50° (anche la notte) e lasciando gestire le varie temperature dalle valvole termostatiche. Peccato perché fino a qualche giorno fa funziona abbastanza bene (tranne a temperature esterne "elevate") poi tutto fermo. Vi terrò aggiornati.
Non potrebbe essere un problema di comunicazione tra caldaia, le pompe dei vari piani ed i cronotermostati ?
Grazie per i vostri preziosi consigli, se ne avete altri datemeli pure sono ben accetti, a presto, Nastagio !

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » ven nov 16, 2012 8:10 am

nastagio ha scritto:


Con la curva 1.4 a 15 gradi esterni dovrsti avere i termosifoni a circa 30 gradi.. quindi NON freddi.
Non hai scritto quant'e' la temperatura in casa...

Verifica la temperatura all'uscita dalla caldaia... il concetto freddo/caldo dice poco.

Ciao,
F.[/quote]

Ciao.

Infatti pensavo anch'io di dover avere termosifoni almeno tiepidi.
In casa ho 3 cronotermostati impostati in manuale con temperatura 25° in modo che non si spengano mai e non influenzino la caldaia-climatica.

In casa circa 19 gradi. Invece quando funziona tutto regolarmente e resta accesa raggiungo i 20 che a volte supero anche la mattina con temperature "basse".

Non capisco perché, forse dipende dalla temperatura esterna, il tutto ha funzionato fino a 1 settimana fa. Poi ora ho questi problemi....

Come faccio a verificare la temperatura all'uscita della caldaia e soprattutto che valore deve avere ?


Grazie ancora per la collaborazione, buona giornata,

Stefano ![/quote]

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1636
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda fcattaneo » ven nov 16, 2012 4:58 pm

nastagio ha scritto:
Ciao a tutti.
Ho fatto tutte le vostre prove consigliate ma niente da fare. Ancora termosifoni freddi e stamani da me sono 4 gradi esterni.
...
Non potrebbe essere un problema di comunicazione tra caldaia, le pompe dei vari piani ed i cronotermostati ?
....
In casa ho 3 cronotermostati impostati in manuale con temperatura 25° in modo che non si spengano mai e non influenzino la caldaia-climatica.



Certo che potrebbe essere un problema di comunicazione tra caldaia, pompe e cronotermostati... ma dato che hai scritto che :
"In casa ho 3 cronotermostati impostati in manuale con temperatura 25° in modo che non si spengano mai e non influenzino la caldaia-climatica."

..assumo che tutte le prove e quello che ci siamo scritti lo hai rilevato a pompe accese.

E' facile capire se una pompa e' accesa... gli appoggi il cacciavite sul corpo e appoggi l'orecchio sul manico... e ascolti se 'gira' ..

Ciao,
F.

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » lun nov 19, 2012 9:51 am

fcattaneo ha scritto:
nastagio ha scritto:
Certo che potrebbe essere un problema di comunicazione tra caldaia, pompe e cronotermostati... ma dato che hai scritto che :
"In casa ho 3 cronotermostati impostati in manuale con temperatura 25° in modo che non si spengano mai e non influenzino la caldaia-climatica."

..assumo che tutte le prove e quello che ci siamo scritti lo hai rilevato a pompe accese.

E' facile capire se una pompa e' accesa... gli appoggi il cacciavite sul corpo e appoggi l'orecchio sul manico... e ascolti se 'gira' ..

Ciao,
F.


Buon giorno.

Certo che avevo fatto tutte le prove del caso prima di scrivere nel forum.
Le pompe sono funzionanti. Tutte e 3.
Comunque venerdì 16 novembre u.s. il tecnico dell'assistenza Viessmann ha fatto le veriche e mi ha sostituito una sonda di temperatura posta all'interno del corpo caldaia. Pare che avesse "perso" la taratura e non riuscisse a comunicare con la centralina.
Il tutto ora funziona.
Questa mattina temperatura esterna 10 gradi ed in casa termosifoni accesi e tiepidi come devono essere (mandata di 35 se non ricordo male). Temperatura interna circa 20°.
Grazie ancora per tutto il supporto che mi avete e mi state dando.
Approfitto per una delucidazione.
Le impostazioni attuali sono le seguenti:
Curva 1.4 - scostamento 0
temperatura ambiente normale 20° dalle 06.00 alle 22.00
temperatura ambiente ridotta 18°
temperatura massima caldaia 70°
temperatura minima mandata 30°
temperatura massima mandata 70°

Per risparmiare è più giusto lasciare i valori di cui sopra (soprattutto in riferimento alle temperature della caldaia) lavorando invece solo su curva climatica e/o temperatura ambiente (normale e ridotta) tanto poi sarà la curva stessa a far modulare la temperatura di caldaia in riferimento alla temperatura esterna o è preferibile dare un valore minimo e massimo alle 3 temperature (massima caldaia, minima mandata, massima mandata) ?
Che differenza c'è tra temperatura massima caldaia e massima mandata e soprattutto questi valori devono coincidere ?
Grazie, buona giornata,
Nastagio

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1773
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » lun nov 19, 2012 1:59 pm

Lascerei fare tutto alla climatica, tenuto conto che già adesso comunque questa non verrà seguita quando la mandata richiede meno di 30 gradi per via dell'impostazione della T minima. Nella mia caldaia T caldaia e T mandata coincidono (credo non coincidano solo in caso di uso di un miscelatore termostatico posto immediatamente all'uscita della caldaia stessa).
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » lun nov 19, 2012 2:23 pm

sergio&teresa ha scritto:Lascerei fare tutto alla climatica, tenuto conto che già adesso comunque questa non verrà seguita quando la mandata richiede meno di 30 gradi per via dell'impostazione della T minima. Nella mia caldaia T caldaia e T mandata coincidono (credo non coincidano solo in caso di uso di un miscelatore termostatico posto immediatamente all'uscita della caldaia stessa).


Grazie.
Per adesso non ho miscelatore termostatico all'uscita della caldaia. Aspetto l'installazione da parte dell'idraulico da circa 8 mesi. Pertanto è giusto che questi dati coincidano (temperatura massima caldaia e temperatura massima mandata).
Allora riporterò il tutto ai valori di fabbrica ovvero, se non ricordo male, temperatura minima mandata 20° e temperatura massima mandata e massima caldaia 74°, giusto ?.
Grazie ancora, buona giornata,
Nastagio !

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1773
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » lun nov 19, 2012 6:14 pm

Si, inizialmente farei così.

Se poi dovessero tornare un po' su le temperature esterne e vedi che hai i termosifoni freddi a causa di mandate troppo basse (al punto da perdere comfort in casa), si possono fare degli aggiustamenti.

Ciao
Sergio
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » lun dic 03, 2012 8:07 am

sergio&teresa ha scritto:Si, inizialmente farei così.

Se poi dovessero tornare un po' su le temperature esterne e vedi che hai i termosifoni freddi a causa di mandate troppo basse (al punto da perdere comfort in casa), si possono fare degli aggiustamenti.

Ciao
Sergio


Buon giorno e grazie ancora per tutte le risposte ed i chiarimenti di questo periodo.
Con il "pezzo" cambiato il tutto funziona correttamente.
Avrei bisogno di un chiarimento:
ad oggi, come ben sapete, ho 3 piani con altrettanti cronotermostati che ho posto su manuale a 25° in modo che restino sempre accesi e non influenzino la climatica.
Quando, soprattutto nel fine settimana, si fanno le pulizie di casa e si devono aprire le finestre è più opportuno spegnere i cronotermostati dei piani interessati al "cambio di aria" oppure chiudere le valvole termostatiche o è indifferente ?
Questo perché è più comodo spegnere il cronotermostato che andare su ogni termosifone e chiudere le valvole.
In questo caso viene anche spenta la caldaia. Non è che dopo per ripartire consuma di più perché la climatica "pensa di dover riportare il tutto ai valori richiesti" ? Allora forse è meglio spegnere uno per volta i cronotermostati in modo che ne resti uno sempre acceso e faccia funzionare la climatica.
Grazie ancora, buona giornata,
Nastagio !

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1773
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » lun dic 03, 2012 8:58 am

La climatica non sa quello che succede in casa, legge solo la temperatura esterna. È l'utente che sulla base delle sue abitudini (inclusi i ricambi d'aria) decide quale sia l'impostazione migliore. Io non toccherei niente quando si aprono le finestre, la casa deve tornare da sola a posto...
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » mer dic 12, 2012 9:15 am

sergio&teresa ha scritto:La climatica non sa quello che succede in casa, legge solo la temperatura esterna. È l'utente che sulla base delle sue abitudini (inclusi i ricambi d'aria) decide quale sia l'impostazione migliore. Io non toccherei niente quando si aprono le finestre, la casa deve tornare da sola a posto...


Buon giorno.
Sto testando il "nuovo impianto" (climatica-sonda esterna e valvole termostatiche). Il tutto funziona molto bene e riesco a raggiungere le temperature desiderate in casa cosa che prima era molto più difficile. Ho abbassato il più possibile la curva a adesso è 1.1. La temperatura in casa è ovviamente più bassa rispetto alle curve più alte ma riesco ancora a stare bene.L'abbassamento è dovuto al fatto che comunque i metri cubi consumati al giorno non sono,almeno per me, proprio pochi.Infatti tra i 18 e 20 mc al giorno (superficie riscaldata circa 200 m2).Temperatura diurna 20° (06-22),temperatura nottura 18°.
Temperatura esterna di questi giorni:mattina -4°C, pomeriggio e sera 6°C.
Vorrei alcuni vostri consigli. Stavo pensando su come programmare gli orari di produzione dell'acqua calda.Infatti ora il tutto è impostato in continuo (24 ore su 24) e forse vado a consumare di più anche per questo.Infatti la caldaia (collegata ad un bollitore da 300 litri e a due pannelli solari termici) ora si predispone per produrre acqua anche quando non c'è nessuno in casa.Che mi consigliate di fare ?
Ci sono altri accorgimenti per far consumare meno il tutto?
Grazie ancora per l'attenzione e la pazienza di sempre, buona giornata,
Nastagio!

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » mer dic 12, 2012 1:41 pm

nastagio ha scritto:
sergio&teresa ha scritto:La climatica non sa quello che succede in casa, legge solo la temperatura esterna. È l'utente che sulla base delle sue abitudini (inclusi i ricambi d'aria) decide quale sia l'impostazione migliore. Io non toccherei niente quando si aprono le finestre, la casa deve tornare da sola a posto...


Scusate. Per maggiore precisione credo sia opportuno darvi informazioni circa la zona climatica della mia abitazione informazioni che non ho mai inserito nei vari messaggi nel forum:

Regione Toscana, Provincia Pisa, Zona Climatica D - Gradi giorno 1856

Temperatura esterna di questi ultimi giorni:mattina -4°C, pomeriggio e sera 6°C.

Grazie ancora, buona giornata,

Nastagio !

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1773
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » gio dic 13, 2012 6:29 am

Anche se sei in una zona climatica mediamente più alta della mia, hai temperature più basse in questi giorni: il consumo può starci per una casa grande e magari non troppo isolata.

Sul carico del bollitore personalmente non ho esperienza, io l'acs la faccio istantanea. Se non disperde, non mi sembra sbagliata la soluzione di tenerlo caldo h24. Verifica che non disperda... A che T lo tieni?
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » gio dic 13, 2012 8:19 am

sergio&teresa ha scritto:Anche se sei in una zona climatica mediamente più alta della mia, hai temperature più basse in questi giorni: il consumo può starci per una casa grande e magari non troppo isolata.

Sul carico del bollitore personalmente non ho esperienza, io l'acs la faccio istantanea. Se non disperde, non mi sembra sbagliata la soluzione di tenerlo caldo h24. Verifica che non disperda... A che T lo tieni?


Ciao e grazie ancora per le risposte. Sai la zona climatica secondo me è indicativa poi ogni anno e con i vari cambiamenti climatici non sempre viene rispettata.
A parte questa mia personale considerazione che intendi per far produrre l'acs istantanea e soprattutto come devo fare per impostare la caldaia con questa modalità (acs instantanea) ? Che differenza c'è tra acs istantanea ed invece h24?
Forse l'acqua impiegherà più tempo per arrivare calda al rubinetto....
Come faccio a vedere che non disperda ?
La temperatura impostata è di 40° ed è più che sufficiente anche perché la caldaia per mantere l'acqua a questa temperatura la produce a temperatura leggermente più alta nell'arco della giornata.
Inoltre è vero che si può impostare una percentuale di "lavoro della caldaia" ?
Come si fa e soprattutto a quanto deve essere impostata?
Intendo per far si che lavori al minimo senza ovviamente perdere le prestazioni. Dalla fabbrica vengono impostate percentuali più alte ma come voi mi insegnate lo sforzo maggiore della caldaia è per la produzione di acqua calda.Forse anche in questo caso il consumo dovrebbe diminuire.
La mia caldaia è una Viessmann Vitodens 300 WB3B KW 23,7
Grazie ancora, a presto, buona giornata,
Nastagio !

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » gio dic 13, 2012 9:24 am

sergio&teresa ha scritto:Anche se sei in una zona climatica mediamente più alta della mia, hai temperature più basse in questi giorni: il consumo può starci per una casa grande e magari non troppo isolata.

Sul carico del bollitore personalmente non ho esperienza, io l'acs la faccio istantanea. Se non disperde, non mi sembra sbagliata la soluzione di tenerlo caldo h24. Verifica che non disperda... A che T lo tieni?


Dimenticavo un'altra precisazione. Secondo me per ottimizzare rendimento, CONSUMI oltre che per trovare con più precisione la curva climatica "giusta" è necessario installare in una zona "identificativa" della casa o comunque dove si passano più ore (es. zona giorno) il comando Vitotronic con la funzione di rilevazione della temperatura interna. In questo modo la caldaia sa che ad esempio se fuori sono 0° e all'interno se ne vogliono 20° ma ce ne sono già 19° dovrà "dare meno" per raggiungere la temperatura desiderata sia per il giorno che per la notte.
Inoltre nelle "mezze stagioni" se fuori sono 15° e dentro ne voglio 20° ma ne ho "soltanto" 18 dovrà comunque partire ed alzare la temperatura invece adesso a volte magari non parte perché presume che anche all'interno ci sia una buona temperatura. Io ho questo comando che non sono riuscito per adesso ad installare per problemi elettrici. Vedrò se ci riuscirò prossimamente.

Che cosa ne pensate ? Questi comandi sono utili anche per questo o servono soltanto per comandare la caldaia senza andare nel locale caldaia magari esterno all'abitazione ?
Grazie ancora, buona giornata,
Nastagio !


Torna a “Risparmio Energetico”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti