Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

L'uso razionale dell'energia e tutto quanto serve per raggiungere i migliori obiettivi di efficienza energetica.
Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1763
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » gio dic 13, 2012 11:33 pm

Acs istantanea vuol dire che la scalda istantaneamente la caldaia, la tua non credo possa farlo, e comunque hai già il boiler, che è l'esatta alternativa.

40 gradi non è una temperatura molto alta, quindi non dovresti avere grandi dispersioni. Per verificarlo, prova ad escludere il riscaldamento del boiler nelle ore notturne, e vedi al mattino quanti gradi perde senza riscaldare. Attenzione che una volta ogni tanto ti conviene dare una scaldata fino a 60 gradi, per evitare problemi di legionella.

Non sono d'accordo sul Vitotronic: con l'esperienza si trova la curva giusta che fa tenere la T in casa senza problemi anche senza questi aggeggi. Anzi, con un termostato che fa tutto lui va a finire che uno non capisce mai come lavora la climatica...
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » ven dic 14, 2012 8:12 am

Acs istantanea vuol dire che la scalda istantaneamente la caldaia, la tua non credo possa farlo, e comunque hai già il boiler, che è l'esatta alternativa.

40 gradi non è una temperatura molto alta, quindi non dovresti avere grandi dispersioni. Per verificarlo, prova ad escludere il riscaldamento del boiler nelle ore notturne, e vedi al mattino quanti gradi perde senza riscaldare. Attenzione che una volta ogni tanto ti conviene dare una scaldata fino a 60 gradi, per evitare problemi di legionella.


Ciao e grazie ancora per le pronte risposte.
Ieri sera ho impostato la produzione di acqua calda in automatico ovvero, leggendo il manuale di istruzioni, l'acqua viene prodotta nello stesso arco di tempo in cui è programmata la temperatura ambiente normale partendo però 30 minuti prima quindi dalle 05.30 alle 22.00.
Ho letto che si possono impostare fino a 4 fasce orarie nell'arco della giornata.Anche qui dovrò valutare. Ho capito che intendi per dispersione. Il boiler in questo caso non disperde molto.
Magari valuterò il riscaldare il tutto a 60 per questioni di legionella.Non ci avevo pensato. Grazie.

Comunque ho notato che abbassando comunque la climatica (ora è a 1.1 - t. ambiente normale 19° e notturna 17°) il consumo rispetto a climatiche più alte è pressochè simile o comunque di poco inferiore. Tipo 18 mc contro i 20-21 mc della 1.3-1.4
Valvola termostatica al massimo nella stanza più fredda e a circa 3 nelle altre stanze. Il fatto è che con acqua ai termosifoni più bassa le valvole impostate a 3 non chiudono mai. Prima invece con valvole a 3 o addirittura a 2,5 nell'arco della giornata chiudevano perché con acqua a temperatura più alta si riusciva a raggiungere la temperatura desiderata.
In sostanza non ho trovato, per adesso, un abbassamento dei consumi abbassando la curva climatica.

Inoltre è vero che si può impostare una percentuale di "lavoro della caldaia" ?
Come si fa e soprattutto a quanto deve essere impostata?
Intendo per far si che lavori al minimo senza ovviamente perdere le prestazioni. Dalla fabbrica vengono impostate percentuali più alte ma come voi mi insegnate lo sforzo maggiore della caldaia è per la produzione di acqua calda.Forse anche in questo caso il consumo dovrebbe diminuire.
La mia caldaia è una Viessmann Vitodens 300 WB3B KW 23,7


Non sono d'accordo sul Vitotronic: con l'esperienza si trova la curva giusta che fa tenere la T in casa senza problemi anche senza questi aggeggi. Anzi, con un termostato che fa tutto lui va a finire che uno non capisce mai come lavora la climatica...


Questo in parte mi consola. Nel senso che se mi dici che non risolvo quasi niente a livello di consumo di metri cubi allora evito di installare il tutto. O meglio con calma lo farò installare solo per comandare da casa la caldaia senza far funzionare il termostato ambiente dedicato.

Grazie ancora, a presto,

Nastagio !

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1763
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » ven dic 14, 2012 1:46 pm

Non scaldare sempre a 60, seno' le dispersioni diventano più significative: credo sia sufficiente una volta alla settimana, cerca in rete notizie sulla legionella per verifica.

Io ho una Vitodens 200W e ho abbassato la potenza della caldaia sia in riscaldamento che in acs: sull'acs nel tuo caso però avrebbe solo l'effetto di farti scaldare il boiler più lentamente, non lo farei. Sul riscaldamento invece a me è servito a togliere una serie di on-off molto brevi, che erano sicuramente fonte di consumi inutili.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » ven dic 14, 2012 2:03 pm

Io ho una Vitodens 200W e ho abbassato la potenza della caldaia sia in riscaldamento che in acs: sull'acs nel tuo caso però avrebbe solo l'effetto di farti scaldare il boiler più lentamente, non lo farei. Sul riscaldamento invece a me è servito a togliere una serie di on-off molto brevi, che erano sicuramente fonte di consumi inutili.


Ciao.

Grazie ancora.

Come faccio ad abbassare la potenza della caldaia solo in riscaldamento e soprattutto qual è il livello minimo per farla funzionare senza complicazioni mantenendo il comfort ? Quando parli di togliere gli on-off molto brevi fonte di consumi inutili parli di consumi di luce, di gas o di entrambi (gas + luce) ?

Grazie, buona serata,
Nastagio

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1763
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » ven dic 14, 2012 7:18 pm

Devo vedere che centralina ha la Vitodens 300, sulla mia c'è una combinazione di tasti che fa apparire il parametro di regolazione della potenza (espresso in percentuale rispetto al massimo). In teoria non andrebbe toccato... il livello di potenza dovrebbe essere adeguato al proprio fabbisogno, ma nel mio caso non è così, la caldaia è sovrabbondante rispetto a quanto mi serve.

Tu prima di toccare quel parametro dovresti verificare quante accensioni fai al giorno: se non sono molte vuol dire che non hai il problema degli on-off brevi (parlavo del consumo di gas, la luce non c'entra). Anche sulla Vitodens 300 dovrebbe esserci il tasto "i" da cui puoi accedere a diverse informazioni, tra cui le accensioni del bruciatore e le ore di funzionamento.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » mar dic 18, 2012 8:15 am

sergio&teresa ha scritto:Devo vedere che centralina ha la Vitodens 300, sulla mia c'è una combinazione di tasti che fa apparire il parametro di regolazione della potenza (espresso in percentuale rispetto al massimo). In teoria non andrebbe toccato... il livello di potenza dovrebbe essere adeguato al proprio fabbisogno, ma nel mio caso non è così, la caldaia è sovrabbondante rispetto a quanto mi serve.

Tu prima di toccare quel parametro dovresti verificare quante accensioni fai al giorno: se non sono molte vuol dire che non hai il problema degli on-off brevi (parlavo del consumo di gas, la luce non c'entra). Anche sulla Vitodens 300 dovrebbe esserci il tasto "i" da cui puoi accedere a diverse informazioni, tra cui le accensioni del bruciatore e le ore di funzionamento.


Ciao e grazie di nuovo.
Questi sono i dati riportati nel pannello di controllo della caldaia premendo il tasto I alle ore 08.00 di martedì 18 dicembre 2012:
Bruciatore i 00 58 17 h
Inserimenti bruc. i 02 27 30


Attualmente ho riportato la climatica ad 1.3 - scostamento 0, temperatura diurna 20, temperatura nottura 17 (ho abbassato di 1 grado la notturna perché ho troppo caldo la notte).

Che ne pensi ?

Si può migliorare ulteriormente ?

Grazie ancora per tutto, buona giornata,

Nastagio !

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1763
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » mar dic 18, 2012 9:49 am

Se riesci i dati di ore e numero di accensioni riportali per qualche giorno, insieme ad una indicazione di massima delle T esterne.
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » mar dic 18, 2012 12:31 pm

sergio&teresa ha scritto:Se riesci i dati di ore e numero di accensioni riportali per qualche giorno, insieme ad una indicazione di massima delle T esterne.



Perfetto.

Segnerò per qualche giorno questi dati e poi te le invierò.

Grazie ancora, a presto,

Nastagio !

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » ven dic 28, 2012 9:30 am

sergio&teresa ha scritto:Se riesci i dati di ore e numero di accensioni riportali per qualche giorno, insieme ad una indicazione di massima delle T esterne.


Ciao a tutti. Passati bene questi giorni di festa ? Auguri sia per quelli passati che per quelli futuri.

Allora mi sono annotato i dati richiesti per alcuni giorni.
Spero possano essere utili per verificare se cambiando qualche parametro riesco a risparmiare un po' di metri cubi di metano. Se servono altri tipi di dati basta chiedere e me le annoterò.
Inoltre ho notato che ad esempio se alle ore 23.00 ora che dovrebbe essere a temperatura ridotta vado ad aumentare la temperatura ambiente normale (fascia 1 dalle ore 06.00 alle ore 22.00) con la rotellina la caldaia parte per portare il tutto alla temperatura desiderata. Ma se la temperatura ridotta è di 17 gradi non dovrebbe "stare ferma" ? Forse sbaglio a programmare ? E' programmata soltanto una fascia la numero 1 e le altre sono tutte impostate con -- ovvero senza orari.
E' preferibile impostare la temperatura ridotta tipo a 5 gradi oppure a 17-18 ?
Se vado inoltre a limitare temperature massime e minime alla curva climatica (1.3 - sc. 0) vedo che "va un po' in confusione" e forse è meglio lasciare il tutto alle impostazioni di fabbrica. Volevo limitare soprattutto la temperatura massima perché oltre i 57 gradi si perde la condensazione, vanificando il tipo di caldaia ed il risparmio. Che he dite ? Poi in questi giorni (25,26,27 dicembre) non era molto freddo fuori ed in casa i termosifoni erano molto tiepidi e quindi aumentando la temperatura minima pensavo di risolvere invece.... Ho visto che l'unico modo in questi casi è aumentare la temperatura ambiente normale muovendo soltanto la rotellina.
Grazie ed in attesa di un vostro riscontro ecco i dati, ciao ciao, Nastagio !

19/12/2012 Bruciatore 00 58 28 - Inserimenti 02 28 04 - temp. esterna 5 gradi
20/12/2012 Bruciatore 00 58 40 - Inserimenti 02 28 94 - temp. esterna 1 grado
21/12/2012 Bruciatore 00 58 54 - Inserimenti 02 29 84 - temp. esterna 5 gradi
24/12/2012 Bruciatore 00 58 92 - Inserimenti 02 32 77 - temp. esterna 1 grado
25/12/2012 Bruciatore 00 59 00 - Inserimenti 02 34 01 - temp. esterna 13 gradi
28/12/2012 Bruciatore 00 59 18 - Inserimenti 02 37 16 - temp. esterna 7 gradi

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1763
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » ven dic 28, 2012 3:16 pm

Hai circa 10 h/giorno di accensione del bruciatore, ma con 100 accensioni al giorno.... In media circa 6 minuti/accensione. Il numero non è drammatico, tieni conto che io al primo anno di funzionamento di accensioni ne avevo anche il triplo.... però non è neanche basso.

Adesso sono arrivato ad averne circa 40-50, ma rispetto a te ho una caldaia che è sovradimensionata. La tua non credo lo sia, ha una migliore modulazione verso il basso e casa è anche più grande, per cui il tuo fabbisogno istantaneo dovrebbe essere maggiore rispetto al mio. Quindi il numero di accensioni è altino, se si tene conto di questi fattori. A meno che non usi molto il termocamino....

Però.... prima di toccare il parametro di potenza (by the way: potresti postare una foto della centralina della caldaia?), e visto che stai giocando con le T massime e minime di mandata (anche a me non ha mai funzionato) ti suggerisco un'alternativa alle curve che hai scelto finora. Visto che hai i termosifoni, anziché scegliere una curva 1.3 a scostamento 0, potresti scegliere una curva 0.7 a scostamento alto, ad esempio 10-12°. Questo ti porterà ad avere T di mandata paragonabili a quelle della 1.3 a scostamento 0 a temperature esterne basse (quindi nessuna differenza rispetto a ora), e T di mandata un po' più alte a T esterne più miti: in questo modo i termosifoni tenderanno a rimanere almeno tiepidi quando fuori è meno freddo. Inoltre io ho notato (ma non so se è una stupidaggine) che con curve basse il bruciatore sembra accendere più dolcemente, con meno rischio di superare subito il setup.

Se ti va, puoi provare a fare questa regolazione per vedere come vanno le accensioni (numero e ore). Se non ti scoccia, puoi postare anora i dati di diversi giorni (incluse T esterne) come hai fatto finora, così possiamo confrontarli con questi che hai appena messo. Naturalmente tieni d'occhio anche i consumi....

Se non ci saranno differenze nel numero delle accensioni e/o nei minuti per accensione, proviamo a vedere come abbassare la potenza massima. Il test sarebbe da fare per qualche giorno, così da avere un po' di statistica.

Riguardo alla domanda sullo spostamento della rotella durante il funzionamento a T ridotta, in effetti in regime ridotto la caldaia non dovrebbe partire da ferma perchè aumenti la T di comfort. Forse è stato solo un caso, e la caldaia è partita comunque per tenere la T ridotta proprio quando andavi ad agire sulla rotella o poco dopo...?

La programmazione degli orari è giusta come l'hai fatta. Se abbassi a 5° otterrai che la caldaia si spegne dalle 22 alle 6 (a meno che fuori ci siano -10°....), e con tutta probabilità in questo periodo al mattino troveresti la casa fredda.

Attenzione però ad una cosa. Se tieni 17-18° di ridotta vai a verificare che valori hai impostati sui parametri (se ben ricordo) FA e FB: si tratta di due parametri che regolano una maggiorazione della potenza (di una % che imposti su FA) per un certo tempo (che imposti su FB) nel passaggio da funzionamento ridotto a funzionamento in comfort. Di default se non sbaglio c'è maggiorazione della potenza del 20% (FA=20) rispetto a quanto richiesto dalla climatica per 30 minuti (FB=30). Ma se non fai raffreddare la casa completamente durante la notte non c'è bisogno di nessuna maggiorazione di potenza per riportare a regime la casa, basta il regime normale: quindi puoi mettere a 0 entrambi i parametri.

Questo dovrebbe farti consumare qualcosina meno (non molto: 30 minuti non sono una cosa enorme).

Ciao
Sergio
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » mer gen 02, 2013 8:06 am

Adesso sono arrivato ad averne circa 40-50, ma rispetto a te ho una caldaia che è sovradimensionata. La tua non credo lo sia, ha una migliore modulazione verso il basso e casa è anche più grande, per cui il tuo fabbisogno istantaneo dovrebbe essere maggiore rispetto al mio. Quindi il numero di accensioni è altino, se si tene conto di questi fattori. A meno che non usi molto il termocamino....


Buon giorno ed Auguri per un Sereno 2013.
Infinite grazie per le dettagliate e preziose informazioni e consigli che mi stai dando.
La mia caldaia non è sovradimensionata. Uso abbastanza, soprattutto in questo periodo che non sono al lavoro, il termocamino ma ho impostato il termostato ambiente alto in modo che non si spenga mai anche a termocaninetto acceso. Ho notato giustamente che i termosifoni vanno a raffreddarsi come conseguenza della chiusura delle valvole termostatiche a caminetto acceso (nei locali influenzati direttamente dal termocamino).

Ho impostato la curva 0.7 con scostamento 10 proprio pochi minuti fa ed ho iniziato oggi, 02 gennaio 2013, ad annotarmi i vari dati per poi postarli nel forum.
In allegato trovi alcune foto della centralina climatica. Spero possano essere utili.. Se te ne servono altre fammelo sapere.
Inoltre non sono riuscito a trovare come modificare i parametri FA ed FB. Potresti aiutarmi anche su questo lato ?

Un'altra cosa: ho impostato da diversi giorni la temperatura ridotta a 10 gradi e non 5 e ho comunque notato che dopo le ore 22.00 la caldaia non si ferma e continua ad andare. I primi giorni in effetti ho notato un abbassamento dei termosifoni (nel senso con la mano sopra erano meno caldi rispetto al funzionamento fino alle ore 22.00) mentre in questi ultimi giorni sembrano addirittura più caldi dopo le 22.00. Forse perché fuori è comunque freddo ?
Infatti la casa è calda anche al risveglio mattutino ed anzi a volte la notte è anche troppo caldo.
E' normale così o c'è qualche cosa che non va ?
Che dici provo ad impostare la temperatura nottura a 5 gradi per vedere come si comporta ?
Ho provato anche, sempre dopo le 22.00, ad alzare sia la rotellina per temperatura normale che il parametro per la temperatura nottura portandola anche a 20 gradi ed in effetti la caldaia non si è mossa. Non doveva partire ad innalzamento della temperatura notturna ? Come puoi notare non ci capisco molto....

Grazie ancora per la preziosissima collaborazione, a presto, buona giornata e di nuovo auguri di buon Anno,

Nastagio !
Allegati
CLIMATICA_5.jpg
(402.49 KiB) Mai scaricato
CLIMATICA_2.jpg
(451.05 KiB) Mai scaricato
CLIMATICA_1.jpg
(470.29 KiB) Mai scaricato

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1763
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » mer gen 02, 2013 5:22 pm

Ciao e buon anno! Buone notizie, la centralina è uguale alla mia....

Per i parametri FA e FB devi lasciarmi qualche giorno perché sono via e conviene che verifichi bene sulle istruzioni.

Il tuo funzionamento notturno mi sembra anomalo: non so che T esterne hai, ma con T ridotta di 5 o 10 gradi dovrebbe fermarsi o comunque girare molto a freddo. È anche anomalo che alzando la T ridotta a 20 gradi non sia cambiato nulla. Secondo me hai impostato una certa T minima, ma anche qui conviene che ci risentiamo dopo il mio rientro (dal 5 gennaio) per fare le verifiche.

Ciao
Sergio
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » ven gen 04, 2013 8:18 am

Ciao e buon anno! Buone notizie, la centralina è uguale alla mia....


Buon giorno. Grandioso. Grazie ancora per la collaborazione.

Ti auguro ancora buon anno ed in attesa del tuo ritorno nel frattempo mi sto annotando giornalmente i vari dati della centralina (accensioni, ore, temperature esterne) in modo da valutare come sia meglio muoversi.

Grazie ancora, a presto,

Nastagio !

Avatar utente
sergio&teresa
Messaggi: 1763
Iscritto il: mer giu 24, 2009 10:29 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda sergio&teresa » ven gen 04, 2013 8:41 pm

Iniziamo con la T minima di mandata, parametro C5. Per leggerlo devi entrare in Codifica 1, premendo contemporaneamente per qualche secondo il primo e il secondo tastino da sinistra dei tre sotto la rotellina di impostazione T comfort (tasto spegnimento e tasto solo acs), e scorrere con il + fino a leggere il parametro C5.

Quant'e'?
Segui il mio impianto su Portalsole:
Liveplant3

nastagio
Messaggi: 56
Iscritto il: mer ott 12, 2011 1:16 pm

Re: Caldaia a condensazione,termosifoni in ghisa,cronotermostati

Messaggioda nastagio » lun gen 07, 2013 7:55 am

sergio&teresa ha scritto:Iniziamo con la T minima di mandata, parametro C5. Per leggerlo devi entrare in Codifica 1, premendo contemporaneamente per qualche secondo il primo e il secondo tastino da sinistra dei tre sotto la rotellina di impostazione T comfort (tasto spegnimento e tasto solo acs), e scorrere con il + fino a leggere il parametro C5.

Quant'e'?


Buon giorno e grazie ancora per la collaborazione.

Allora la temperatura minima di mandata è di 20 gradi e la massima (di mandata) di 74 proprio come impostato dalla fabbrica. Inoltre la temperatura massima di caldaia è impostata anch'essa a 74 gradi.

La curva attuale è 0,7 con scostamento 8.

Per quanto tempo ti servono i dati che mi hai chiesto per fare una buona valutazione ?
Ad oggi sono 6 giorni.
Potrei inviarteli domani o se preferisci tra qualche altro giorno annotandomi il tutto.

Grazie, a disposizione,
Nastagio !


Torna a “Risparmio Energetico”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite