Esperienza con il piano di cottura a induzione

L'uso razionale dell'energia e tutto quanto serve per raggiungere i migliori obiettivi di efficienza energetica.
gborgo
Messaggi: 45
Iscritto il: mar set 07, 2010 8:07 am

Esperienza con il piano di cottura a induzione

Messaggioda gborgo » mer gen 02, 2013 12:15 pm

EmilianoM ha scritto:Battute a parte per la mia casa futura sono indeciso se basterà 4,5 kW oppure serviranno 6 kW.
Oltre ai consumi elettrici di oggi e la PdC devo anche aggiungere il piano cottura ad induzione.

Prendendo spunto da un commento di EmilianoM postato nella sezione "Pompe di calore", vorrei offrire un contributo -empirico- riguardo al piano di cottura a induzione.

Negli primi giorni di settembre abbiamo sostituito il vecchio piano di cottura a metano con un nuovo piano a induzione, massimo assorbimento di targa 7.2kW (Ikea/Electrolux, fine serie pagato 399 Euro invece dei 799 Euro originali; il vecchio piano, 4 anni, è stato venduto su ebay per 100 Euro).

Nonostante l'iniziale apprensione, abbiamo fino ad oggi mantenuto il normale contatore da 3kW (sul tetto abbiamo un impianto FV da 5.52kWp).
Abbiamo in casa un Clivet Elfofresh 300 sempre in funzione (credo 700/800W), forno elettrico (2.3kW max), microonde (700 W max), bollitore per l'acqua (1.8kW), lavastoviglie, due lavatrici che qualche volta funzionano insieme, oltre naturalmente ad aspirapolvere, asciugacapelli, ecc.
In 4 mesi l'unica volta che il contatore è "saltato" (era giorno e c'era un po' di sole) avevamo in funzione oltre all'elfofresh due "fuochi" del piano cottura, il forno, la lavastoviglie, una lavatrice ed abbiamo acceso l'aspirapolvere :? .
Per il resto, anche con ospiti a cena e tre dei quattro "fuochi" del piano cottura in funzione, mai nessun problema.
Di fatto, con un'attenzione davvero minima a quanti elettrodomestici si utilizzano tutti insieme, nonostante la potenza di targa impressionante del piano cottura, da noi il contatore da 3kW si dimostra completamente adeguato, anche la sera o nelle brutte giornate, quando l'impianto FV non produce.

Dopo qualche mese di esperienza le nostre conclusioni sono che:
il piano a induzione ha un'efficenza terrificante, l'acqua per la pasta prima impiegava 8-10 minuti per bollire sul fuoco più grande regolato al massimo, oggi impiega 3-4 minuti sul "bruciatore" regolato a 2/3. Lo stesso vale per qualsiasi altra cosa si metta a cuocere.
In pratica, se non si vuole bruciare ciò che si prepara, molto di rado si regola la potenza del singolo "fuoco" oltre 1/3.
Cucinare, dopo avere preso le misure con la potenza enorme, non è significativamente diverso che con il gas.
Non abbiamo rilevato differenze degne di nota nella bolletta.

Tranne per chi ha la passione per fare le pulizie della cucina e per i masochisti, chiunque provi ad usare per cucinare un piano di vetro liscio non tornerà mai ad un fornello con i bruciatori a gas, nemmeno se usare quello in vetro gli costasse tre volte tanto.

Unico vero difetto, a meno che non siate fortunati, dovrete cambiare tutte le pentole (caffettiera e teiera incluse, se volete usarle sul nuovo piano cottura), e trovarne di buone che non costino molto può non essere facile.
Prima di regalare quelle che già avete però verificatele con la calamita, in qualche caso potreste avere delle belle sorprese anche se la dicitura "induzione" non c'è.

Riguardo alle pentole adatte, tenete conto che anche se tutte riportano l'indicazione "Induzione", non sono tutte uguali.
Pioché il calore si produce non nel piano cottura, ma nella parte della pentola che è ferromagnetica, più la parte ferromagnetica è grande e maggiormente questa è ferromagnetica (maggiormente attrae una calamita) maggiore sarà l'efficienza del "sistema piano cottura-pentola".
Se andrete a comprare delle pentole, portatevi delle buone calamite e testatene molte diverse, prima di scegliere.
Se comprerete online, verificate prima se si può restituire quanto acquistato e quanto costa farlo.

Ed ora che cominciano i saldi, correte tutti a comprare un piano a induzione :D

gborgo
Ultima modifica di gborgo il mer gen 02, 2013 2:34 pm, modificato 1 volta in totale.

Jekterm
Messaggi: 906
Iscritto il: gio mag 27, 2010 3:05 pm

Re: Esperienza con il piano di cottura a induzione

Messaggioda Jekterm » mer gen 02, 2013 1:17 pm

gborgo ha scritto:abbiamo fino ad oggi mantenuto il normale contatore da 3kW (sul tetto abbiamo un impianto FV da 5.52kWp)


Riprova a far scattare il contatore, quando andrai a riarmarlo sul display dovrebbe apparire il messaggio che riporta il motivo del distacco.
Ti accorgerai che il contatore è scattato a ben oltre i 3 kW contrattuali !!!
Il motivo è che quando hanno allacciato l' impianto FV hanno regolato, per permettere l' immissione, la soglia di distacco ad oltre 6 kW.
La tua potenza impegnata non è più di 3 kW ma è di 6 kW...

Anch' io ho un contratto D2 da 3 kW ma la potenza reale disponibile è di 6,6 kW.
L' ultima volta è scattato a 7,8 kW!!!

Ciao
Ultima modifica di Jekterm il mer gen 02, 2013 2:03 pm, modificato 1 volta in totale.

EmilianoM
Messaggi: 61
Iscritto il: ven dic 14, 2012 8:18 pm

Re: Esperienza con il piano di cottura a induzione

Messaggioda EmilianoM » mer gen 02, 2013 1:50 pm

gborgo ha scritto:Negli primi giorni di settembre abbiamo sostituito il vecchio piano di cottura a metano con un nuovo piano a induzione, massimo assorbimento di targa 7.2kW (Ikea/Electrolux, fine serie pagato 399 Euro invece dei 799 Euro originali; il vecchio piano, 4 anni, è stato venduto su ebay per 100 Euro).

Nonostante l'iniziale apprensione, abbiamo fino ad oggi mantenuto il normale contatore da 3kW (sul tetto abbiamo un impianto FV da 5.52kWp).
Abbiamo in casa un Clivet Elfofresh 300 sempre in funzione (credo 700/800W), forno elettrico (2.3kW max), microonde (700 W max), bollitore per l'acqua (1.8kW), lavastoviglie, due lavatrici che qualche volta funzionano insieme, oltre naturalmente ad aspirapolvere, asciugacapelli, ecc.
Davvero incoraggiante !

Per riscaldamento e raffrescamento che cosa utilizzi ?
Casa a Vigevano (PV) - Zona Climatica E - Gradi giorno 2.544
140 m2 (120 m2 + 20 m2 rialzati)
EPH 25,98 kW/m2a [senza FV]
Risc/raffr pavimento
PdC Rotex HPSU Compact 508 6 kW + FV 3kW
UTA compatta VMC Italia LET

gborgo
Messaggi: 45
Iscritto il: mar set 07, 2010 8:07 am

Re: Esperienza con il piano di cottura a induzione

Messaggioda gborgo » mer gen 02, 2013 2:12 pm

Jekterm ha scritto:Il motivo è che quando hanno allacciato l' impianto FV hanno regolato, per permettere l' immissione, la soglia di distacco ad oltre 6 kW.
La tua potenza impegnata non è più di 3 kW ma è di 6 kW...

Ciao

Ciao jek,

Concordo appieno sulla logica, ma da ciò che mi risulta non credo sia così.
Quando avevo richiesto l'allacciamento dell'impianto FV avevo fatto anch'io lo stesso ragionamento, ma quando l'operaio ENEL è venuto ad installare il nuovo contatore bidirezionale e a collegare l'impianto, mi ha spiegato che il mio contatore, a quel punto, era si da 6kW, ma solo in direzione della rete. La soglia del nuovo contatore in direzione della mia utenza era sempre tarata a 3kW.
Se avessi voluto tarare il contatore a 6kW anche verso la mia utenza, avrei dovuto pagare l'ulteriore balzello ad ENEL, anche se ciò fosse avvenuto contestualmente all'allacciamento del mio impianto FV :evil:
Questo sembra confermato anche dalla bolletta, che dice "Potenza impegnata 3kW".

Ciò detto, poiché nella vita non si sa mai, proverò comunque a fare la prova che suggerisci e posterò il risultato.
Chissà, magari mi hanno fatto un bel regalo senza dirmelo (e senza essersene resi conto) :lol:
Ciao,

gborgo
Ultima modifica di gborgo il mer gen 02, 2013 4:46 pm, modificato 1 volta in totale.

gborgo
Messaggi: 45
Iscritto il: mar set 07, 2010 8:07 am

Re: Esperienza con il piano di cottura a induzione

Messaggioda gborgo » mer gen 02, 2013 2:26 pm

EmilianoM ha scritto:Per riscaldamento e raffrescamento che cosa utilizzi ?

Per riscaldare, ad oggi ancora una vecchia caldaia a metano, con un piccolo aiuto dall'Elfofresh 300, che fa anche raffreddamento e deumidificazione estiva.
Sto cercandi di organizzarmi -con il prezioso aiuto del forum- per passare a breve ad una PDC Mitsubishi Zubadan da 8kW insieme ad un accumulo Rotex Hybridcube.
Ciao,

gborgo

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1629
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Esperienza con il piano di cottura a induzione

Messaggioda fcattaneo » mer gen 02, 2013 4:34 pm

gborgo ha scritto:
Prendendo spunto da un commento di EmilianoM postato nella sezione "Pompe di calore", vorrei offrire un contributo -empirico- riguardo al piano di cottura a induzione.
......


Ciao gborgo, il tuo contributo e' interessante.
Io conosco 3 persone che sono passate all'induzione e tutti sono entusiasti.

Uno è passato all'induzione da un piano a gpl, contratto 3Kw senza FV; è contentissimo e dice che i consumi sono irrisori.
Gli altri 2 sono passati all'induzione dal metano... hanno entrambi un contratto D2 da 3 kw ma anche impianto FV da circa 3 kw.
Dichiarano circa 1,5 kwh/gg in piu' per far da mangiare con l'induzione... direi un valore molto buono.

Questa tecnologia sembra sia davvero interessante e nessuno che la possiede ne rimane deluso..

F.

EmilianoM
Messaggi: 61
Iscritto il: ven dic 14, 2012 8:18 pm

Re: Esperienza con il piano di cottura a induzione

Messaggioda EmilianoM » mer gen 02, 2013 4:37 pm

gborgo ha scritto:Per riscaldare, ad oggi ancora una vecchia caldaia a metano, con un piccolo aiuto dall'Elfofresh 300, che fa anche raffreddamento e deumidificazione estiva.


Chissa' se con l'estate che arrivera' se i picchi aumenteranno.

Per il mio contratto futuro pensavo di partire con i 6 kW e successivamente provare a scendere a 4,5 kW.
Casa a Vigevano (PV) - Zona Climatica E - Gradi giorno 2.544
140 m2 (120 m2 + 20 m2 rialzati)
EPH 25,98 kW/m2a [senza FV]
Risc/raffr pavimento
PdC Rotex HPSU Compact 508 6 kW + FV 3kW
UTA compatta VMC Italia LET


Torna a “Risparmio Energetico”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti