Problema gestione impianto a pavimento

A condensazione; Metano, Gpl, Gasolio; tutto sull'argomento.
ctarta82
Messaggi: 2
Iscritto il: sab nov 09, 2013 8:47 pm

Problema gestione impianto a pavimento

Messaggioda ctarta82 » mar nov 12, 2013 10:19 am

Salve a tutti, sono nuovo,avrei necessità di avere qualche informazione..
La mia casa è di circa 160 mq, dispongo di una caldaia a condensazione Baltur serie Colibrì serie CA K , senza sonda termica esterna(è indispensabile?esternamente,dove andrebbe posizionata?Considerate che la mia caldaia si trova nel piano interrato,precisamente nel vano tecnico, o chiamato anche bocca da lupo, perchè comunicante con l 'esterno, sopra il soffitto nn è chiuso, ma c'è una grata) con impianto a pavimento, regolato da termostati ambientali disposti in varie stanze..
Piano Terra composto da cucina, soggiorno, antibagno, bagno (1 termostato)
Primo Piano composto da 3 camere ed un bagno (4 termostati)

Attualmente una delle camere, non viene utilizzata,quindi il termostato l 'ho impostato in off e chiuso la porta..Faccio bene ?
A parte ciò ho impostato la temperatura di tutti i 5 termostati a 19°C, mentre quello del bagno al primo piano, a 18.5°C , perchè l 'anno scorso impostando tutto a 20°C , avevo notato che il termostato di quel bagnetto non staccava e nn arrivava mai ai 20°C ,per avere un funzionamento "normale" dovevo impostarlo ad 1 °C in meno rispetto gli altri (nel bagno al primo piano ,il passo della spirale del tubo da riscaldamento è il più vicino possibile, mi sembra 5/6 cm, ma avendo un angolo doccia che occupa 1/3 della superficie del bagno ed ovviamente sprovvista di tubatura per il riscaldamento, limita la superficie radiante, forse sarà per quello o no?)
La temp dell 'acqua per il riscaldamento in caldaia viene programmata manualmente, l' anno scorso l 'avevo impostata a 35°C, quest' anno a 30°C , che ne pensate?

Dopo navigando nel forum ho trovato pure questo post ,dove è scritto questo "
e per non strappare via tutti i termostati li metti tutti a 30°, così la pompa non si ferma mai.

Oppure.. però non è il massimo e ti obbliga ogni giorno a metterci mano in base alla T esterna, metti sempre i termostati a 30° e imposti la temperatura di mandata veramente bassa.. che regoli tu a mano... ma vuol dire controllare tutti i giorni temperature, previsioni, impensabile (anche se io all'inizio per capire come sarebbe cambiato il comfort ho fatto così)."
Cosa vuol dire?se imposto i termostati a 20°C è peggio di impostarli a 30°C , perchè la pompa stacca e attacca;quindi l 'opzione migliore è che la pompa giri sempre ed imposto la temp di mandata della caldaia a 30°C?

Eccole le foto del quadro dell 'impianto idraulico:
Piano terra: Immagine

Primo Piano: Immagine


Domanda: se la pompa nn si trova in uno di questi 2 quadri, dove si troverà?Direttamente nella caldaia presumo,per il mio modello è un circolatore elettronico o standard?
Ringrazio tutti anticipatamente coloro volessero aiutarmi ,per la gestione ottimale del mio impianto..Grazie

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1656
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: Problema gestione impianto a pavimento

Messaggioda fcattaneo » mar nov 12, 2013 7:30 pm

La migliore regolazione per un sistema radiante a pavimento , ma anche per tutti gli altri sistemi, è quello in cui non ci sono termostati nelle stanze e la temperatura di mandata della caldaia è regolata in funzione della temperatura esterna per mantenere la casa sempre alla temperatura desiderata.

Questo permette agli occupanti di percepire il calore irradiato dal pavimento in modo indipendente dalla temperatura dell'aria in casa ( si sta bene anche a 18 gradi se l'acqua nel pavimento circola per l'irradiato dal pavimento ).

Se vuoi migliorare la tua situazione puoi farti montare la sonda esterna x la tua caldaia avendo cura di montarla a nord dell'abitazione e poi scegliere la regolazione climatica della caldaia avendo cura di scegliere una pendenza che permetta alla casa di rimanere circa al valore desiderato senza mai staccare le testine termostatiche 8 termostati ).

Saluti.

ctarta82
Messaggi: 2
Iscritto il: sab nov 09, 2013 8:47 pm

Re: Problema gestione impianto a pavimento

Messaggioda ctarta82 » mar nov 12, 2013 9:32 pm

Leggendo un pò di quà e un pò di là, ho capito che per la corretta gestione di un impianto a pavimento si deve seguire una certa " filosofia",correggetemi se sbaglio:

1) I normali termostati che tramite le le ettrovalvole on/off aprono o chiudono la mandata dell 'acqua sono inutili, eventualmente serviranno valvole elettriche che modulano la portata in base alla temperatura impostata dai termostati ambiente.
2) La pompa deve continuamente girare, per mantenere la temp dell 'acqua costante, per questo le elettrovalvole on/off nn vanno bene,perchè chiudendo il circuito fanno si che la temp dell' acqua scenda troppo e prima che il termostato ambiente rilevi un temp inferiore la quella impostata, il massetto fà tempo a perdere calore, quando poi il circuito si riaprirà, per ripristinare il tutto si consumerà parecchio..
3)La caldaia dovrà essere collegata ad una sonda esterna che al variare della temp esterna aumenti o diminuisca la temperatura della mandata dell' acqua, in modo tale da mantenere il confort..
4)Avere una caldaia con una potenza termica minima il più basso possibile, per evitare continue on/off del bruciatore,da qui deduco che in base a parametri il modello baltur smile solar 29 sk metano è migliore del modello baltur colibrì young ca 26k dal momento che l prima ha una potenza termica minima di 2.6Kw rispetto ai 5.5 kw dell 'ultima..


Questo è un piccolo riassunto delle nozioni che ho appreso, se qlc mi può dare delle dritte..Grazie


Torna a “Caldaie e bruciatori”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite