convenienza e idee per integrazione al riscaldamento

Domande sulle soluzioni impiantistiche e le migliori pratiche del solare termico.

Moderatori: sergio&teresa, paolo

renzots
Messaggi: 9
Iscritto il: mer mag 21, 2008 11:29 am
Località: Trieste

convenienza e idee per integrazione al riscaldamento

Messaggioda renzots » lun mag 26, 2008 2:43 pm

Saluti a tutti,
sto lavorando, al momento ancora “mentalmente”, per un impianto solare termico presso la mia abitazione a Trieste. Da varie letture, ma soprattutto grazie a questo validissimo sito, sono giunto alla considerazione che un impianto per la sola produzione di acqua sanitaria costi veramente troppo (in termini di prima installazione e manutenzione) rispetto ai risparmi effettivi che potrà dare nella sua vita, diciamo 20 anni, in rapporto ai costi del metano (anche tenendo conto di un forte incremento futuro degli stessi!).

Sono propenso a pensare che, dovendo fare un lavoro comunque importante, convenga spendere qualcosa di più per ricavare molta più energia dal sistema solare grazie al contributo per il riscaldamento ambienti. I consumi per il riscaldamento, in una casa unifamiliare, incidono veramente molto, specie se la stessa (come la mia) non ha un isolamento termico molto performante.

Sui consumi di acqua calda è noto che si può risparmiare 250, 300 euro annui al massimo, in quattro persone (oggi utilizzo la produzione istantanea e domani utilizzerei la configurazione “in scarico”, quindi integrazione istantanea). Si può risparmiare qualcosa di più con elettrodomestici alimentati ad acqua calda (qui il confronto è con l’elettricità). Attenzione, ammesso che gli elettrodomestici siano posizionai in vicinanza dell’accumulo e della caldaietta. Altrimenti, vista la quantità limitata di acqua prelevata nei loro cicli, si rischia di spendere di più riscaldando di fatto solo il tubo di adduzione (per quanto ben isolato in breve si raffredda). In una casa esistente allacciare gli elettrodomestici costerebbe sicuro parecchio dovendo realizzare le tubazioni, con benefici scarsi se non quasi nulli.

Per l’integrazione al riscaldamento, certo occorre aumentare la superficie dei pannelli o istallarne di più costosi e performanti, disporre di accumulo a doppio serpentino e costruire la derivazione del ritorno dell’impianto di riscaldamento, con tanto di valvola automatica a tre vie per integrazione solo quando l’acqua dell’accumulo è più calda rispetto al ritorno dai termosifoni (e queste aggiunte possono aumentare i costi del 50%, rispetto un impianto sola ACS )

La mia casa è dotata di normali radiatori in alluminio e moderna caldaia Immergas a condensazione, per cui ho già regolato la pompa di circolazione al minimo e pure la temperatura di mandata molto bassa, allungando l’orario di riscaldamento (non dispongo di centralina climatica che aggiorni automaticamente l’acqua di mandata secondo la temperatura esterna, e non intendo neppure acquistarla). A Trieste durante l’inverno sono rarissime le temperature sottozero e nei brevi periodi di freddo provvedo manualmente ad incrementare la temperatura di mandata. Con ottimi risultati sia nel comfort che nei consumi rispetto alla precedente gestione con caldaia normale e mandata a temperatura elevata.

La mia idea è, a impianto solare realizzato, far funzionare 24 su 24 il riscaldamento seppure al minimo. La caldaia sarebbe attivata secondo cronotermostato. Ossia brevemente al mattino e poi nel tardo pomeriggio - sera nei feriali (nei festivi quando, sono in casa, provvedo con stufa e/o caminetto, oppure con regolazione manuale).
Per semplicità impiantistica e per contenere al minimo i costi, pensavo di non escludere mai la caldaia dal circuito, regolando al minimo il termostato del circolatore esistente. Così, anche a caldaia spenta, l’acqua circola finchè il solare da quel che può dare, fino al limite di utilità (penso sui 25°) quando la pompa si fermerebbe (resta inteso che rimane sempre attiva la valvola a tre vie che esclude il solare e quindi ferma l’impianto qualora la temperatura dell’accumulo scenda a valore inferiore dell’acqua di ritorno).
Questo sistema – di fatto quello che definite “scarico assoluto” - terrebbe molto bassa la temperatura nell’accumulo, per cui certamente l’acqua sanitaria richiederebbe sempre una certa integrazione dalla caldaia. Ma questo che apparentemente è un problema, secondo me non lo è affatto: complessivamente permette di catturare molta più energia per la bassa temperatura di esercizio e per la durata di prelievo (anche l’intera giornata in primavera). Quindi spendo qualcosa in più per l’acqua calda, ma guadagno molto di più sul riscaldamento. Senza dilungarmi nei calcoli effettuati, ho stimato che con 8mq di buoni pannelli inclinati di 55-60° e gli accorgimenti descritti potrei arrivare facilmente ad un risparmio annuo di 800 euro, che si riducono a 600 stimando in 200 euro annui medi per una buona manutenzione (riparazioni, rabbocchi, sostituzioni), che ne conservi la funzionalità e il rendimento (non importa se poi la manutenzione in parte la farò io direttamente).
Ipotizzando un costo di impianto di 10.000 euro tutto compreso (sono ottimista ?!) e tenendo conto del beneficio fiscale, la spesa viva resta di 4.500 euro. Per cui senza considerare gli “interessi” l’impianto diventerebbe redditizio dopo 7 anni e mezzo. In termini finanziari con i mancati interessi sull’investimento, si arriva a meno di 10 anni, per un impianto che dovrebbe durarne 20.

Pertanto pongo alla attenzione queste mie idee per una soluzione impiantistica semplificata, forse troppo semplificata …. e per una gestione di impianto che dovrebbe spremere al massimo la capacità di produzione solare.

Avatar utente
fcattaneo
Site Admin
Messaggi: 1771
Iscritto il: mar nov 27, 2007 7:44 pm
Contatta:

Re: convenienza e idee per integrazione al riscaldamento

Messaggioda fcattaneo » lun mag 26, 2008 7:04 pm

renzots ha scritto:
Pertanto pongo alla attenzione queste mie idee per una soluzione impiantistica semplificata, forse troppo semplificata …. e per una gestione di impianto che dovrebbe spremere al massimo la capacità di produzione solare.


La tua soluzione, cosi come le deduzioni che hai fatto, sono intelligenti e non solo semplici.

Anche io penso che l'ACS si ripaga bene in impianti che rispondano a grandi consumi ( per esempio il pre-riscaldamento di ACS per grosse utenze ).
In ambito domestico e' meglio optare anche per l'integrazione al riscaldamento.

Una notazione... se si investe nell'isolamento di un edificio, si ottiene di risparmiare molta energia e di ridurre la temperatura di impianto del riscaldamento, cosi da poter ottenere anche una miglior efficienza dell'eventuale impianto solare termico installato.

Ciao,
Fabrizio.

silvio
Messaggi: 9
Iscritto il: gio mag 08, 2008 12:16 pm

Messaggioda silvio » gio mag 29, 2008 10:13 am

Quello che posso dire è che anch'io ho fatto gli stessi calcoli di Renzots e mi ritrovo con gli stessi identici costi di impianto e tempi di ammortamento dello stesso.
Unica differenza è che presumo che i tempi di vita di un impianto solare siano maggiori di 20 anni (presumo almeno 30).
Anche secondo me conviene puntare anche all'integrazione al riscaldamento anche perchè per la realizzazione di un impianto (preventivi dettagliati alla mano) ci sono delle spese fisse che sono identiche sia per un impianto per ACS che per ACS+riscaldamento, ovvero:
1) trasporto
2) pratiche tipo DIA
3) certificati energetici
che se ovviamente pesano in percentuale molto di più in un impianto "poco costoso" come quello per ACS piuttosto che uno per integrazione al riscaldamento.

Saluti

renzots
Messaggi: 9
Iscritto il: mer mag 21, 2008 11:29 am
Località: Trieste

Messaggioda renzots » mer giu 04, 2008 5:26 pm

Le migliorie all'isolamento termico sono sicuramente la cosa efficace da fare per contenere i costi di energia. Non hanno alcuna manutenzione dopo l'installazione iniziale...... e spesso possono essere messe in opera da un hobbista volonteroso. A casa mia ho potuto lavorare bene al solaio e anche al pavimento, ma non sempre sulle pareti esterne trattandosi di costruzione d'epoca, con murature in pietra da 60cm (cartongesso ed isolante interno solo alla parete nord sprovvista di finestre). Ho pensato ad un intonaco isolante esterno, ma essendo le facciate in buone condizioni il costo dell'intervento mi ha scoraggiato.....

Riguardo la durata di un impianto solare termico pari a 30 anni, ho qualche dubbio. Ho posto arbitrariamente una vita utile teorica di calcolo a 20 anni, perchè penso che dopo tale lungo periodo possano essere disponibili soluzioni ed innovazioni diverse che possano rendere convenienente la sostituzione di parti importanti dell'impianto. Inoltre vedo difficilmente componenti come centralina elettronica, pompe, valvole e i pannelli stessi (come rendimento) che "durino" mediamente più di venti anni.......
quindi immagino che se l'impianto esisterà ancora dopo trenta anni, avrà quasi tutti i componenti già sostituiti.

Resto però convintissimo della utilità e anche convenienza di un buon impianto solare, al di la dei risultati dei calcoli. Come sulla correttezza di forti incentivi pubblici. Perchè tanto più solare (o altre fonti alternative) viene installato e tanto più si "riduce" (o meglio meno aumenta) anche il costo di base dei combustibili, per la legge di domanda e offerta. Per cui tutta la collettività alla fine ne beneficia, al di la' dalle considerazioni prettamente ecologiche su emissioni CO2.

manuel78
Messaggi: 1
Iscritto il: mer giu 18, 2008 10:07 am
Località: trieste

Messaggioda manuel78 » mer giu 18, 2008 12:04 pm

ciao renzo,
anch'io abito a Ts, zona bagnoli, tu dove stai?
Anch'io sto pensando a cambiare la caldaia a gasolio e sto valutando cosa fare.
Per ora sono orientato verso le pdc abbinata al fotovoltaico e sto aspettando il resoconto dell'idraulico.
Tu a che punto sei?
Saluti

lmancino
Messaggi: 3
Iscritto il: dom set 28, 2008 7:21 pm

Messaggioda lmancino » dom set 28, 2008 8:17 pm

GRANDE RENZOTS!!!
le tue considerazioni sono esattamente quello che penso sia ottimale e che voglio realizzare con un impianto di 60 tubi e 500 litri di accumulo a 2 serpentine e riscaldamento a pavimento.
Appena trovi uno schema di impianto, ti pregherei di inviarmelo a luigimancino@gmail.com
grazie e complimenti!!!

pink444
Messaggi: 8
Iscritto il: sab ott 11, 2008 8:42 am
Località: gassino (TORINO)
Contatta:

ciao renzo hai poi fatto l'impianto ?

Messaggioda pink444 » dom ott 12, 2008 7:41 am

mi piaceva molto la tua idea e volevo fare una cosa simile. Se sei partito mi fai sapere i risultati e lo schema impianto cortesemente ?

La mia email: renato.miletti@cp.net


grazie mille

renato

pink444
Messaggi: 8
Iscritto il: sab ott 11, 2008 8:42 am
Località: gassino (TORINO)
Contatta:

grazie della risposta mah ...

Messaggioda pink444 » lun ott 27, 2008 9:26 pm

grazie della risposta


Torna a “Solare Termico”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti